Lavorare da casa: ecco come aprire un asilo nido domestico.

Link Sponsorizzati:

asilo nido a casa

E’ risaputo che in Italia mancano asili nido, ogni anno centinaia di genitori sono costretti  ad organizzarsi per far fronte a questa mancanza, a volte con soluzioni molto più costose.

In Italia ormai da qualche anno si assiste alla nascita dei così detto “asili domestici”, molto spesso creati dalle stesse mamme con figli piccoli, che decidono di sfruttare il proprio tempo ospitando altri bambini e lanciando si in una vera e propria attività.

Ma come si può aprire un asilo nido domestico? Innanzitutto è necessario avere un titolo di studi adeguato, ovvero un diploma socio-psicopedagogico, magistrale, assistente per l’infanzia o laurea in Scienze dell’Educazione.

Successivamente serve presentare il progetto al comune e all’Asl, che dovranno autorizzare l’avvio dell’attività. Questa è solo l’inizio della parte “burocratica”, infatti è necessario che l’ambiente in cui si svolgerà l’attività sia grande a sufficienza (4 metri quadrati a bambino) e rispetti severi standard che garantiscano salubrità e, ovviamente, sicurezza.

Quanto si guadagna? Generalmente il prezzo a bambino ospitato oscilla tra i 150 e i 600 euro. Ricordiamo che in Italia c’è scarsità di asili nido, quindi attualmente lanciarsi in questo tipo di attività si ha la garanzia di avere sempre lavoro.

Inoltre in moltissime regioni attualmente è possibile accedere ad alcune agevolazioni e finanziamenti, volti alla creazione di asili nido domestici: informatevi al meglio presso la vostra regione, provincia e comune.



Commenti

comments

One Response to Lavorare da casa: ecco come aprire un asilo nido domestico.

  1. Belinda Dolores Reyes ha detto:

    Ho bisogno di lavorare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.