Mini Prestito Poste: sino a 3000 euro per chi possiede una Postepay.

Link Sponsorizzati:

postepay-evolution-prestito

Le carte prepagate hanno spopolato con il passare degli ultimi anni e soprattutto quella emessa dalla posta, la Carta Postepay, è stata tra le più gettonate monopolizzando gran parte degli acquisti, soprattutto su internet, in nome della sicurezza derivata dal fatto che non è propriamente legata ad un conto corrente o a un credito legato a plafond.

La carta ha poi avuto decine di imitazioni ed evoluzioni, tra cui la Carta Postepay Evolution che si è a sua volta migliorata nel tempo ed addirittura ad oggi permette di poter accedere ad un finanziamento o prestito.
Il Mini Prestito Bancoposta, infatti, permette a tutti i titolari di Carta Postepay Evolution o un conto corrente Bancoposta di poter richiedere un prestito di una cifra a scelta tra tre tagli possibili, subito disponibile dopo la firma dei moduli appositi.

I tagli disponibili sono essenzialmente 3, è possibile richiedere un prestito da 1.000 euro, uno da 2.000 euro oppure uno da 3.000 euro, ma la durata temporale del rimborso del suddetto prestito è la medesima in tutti e tre i casi: 22 mesi.
Il Mini Prestito Bancoposta si può richiedere in tutti gli uffici postali, anche quelli aperti il sabato mattina, recandosi in uno dei mini uffici appositamente ideati per i titolari di bancoposta.

Il finanziamento è però disponibile solo per gli utenti che soddisfano una serie di requisiti obbligatori che chiariremo di seguito: come prima cosa bisogna avere un’età compresa tra 18 e 70 anni ed essere titolari di una Carta Postepay Evolution oppure di un conto Bancoposta, dopodichè bisognerà recarsi allo sportello apposito con i seguenti documenti:

  • documento di identità o patente valida
  • tessera sanitaria con codice fiscale
  • documento che attesti l’attuale reddito dell’intestatario del conto o carta

Il Mini Prestito Bancoposta può essere anche richiesto da cittadini stranieri che devono presentare una serie di documentazioni aggiuntive:

  • passaporto, oltre al documento di identità
  • permesso di soggiorno valido
  • documento che attesti la residenza in Italia da almeno 1 anno in caso di lavoratore dipendente o almeno 3 anni in caso di lavoratore autonomo. Per i dipendenti è richiesto anche il documento che dimostri che si è presso lo stesso datore di lavoro in maniera continuativa da almeno 12 mesi

L’ufficio di Poste Italiane si riserva però la possibilità di richiedere una documentazione aggiuntiva ai cittadini stranieri in alcuni casi particolari.
Il finanziamento viene erogato direttamente su conto o carta per l’intera cifra scelta, mentre il rimborso avverrà con rate mensili per la durata dei 22 mesi stabilita dal contratto.

Tutti gli interessati al finanziamento proposto da Poste Italiane possono quindi recarsi in tutti gli uffici postali che sono a disposizione per qualsiasi informazione aggiuntiva, ma Poste Italiane ha messo a disposizione anche un numero verde gratuito 800 00 33 22 dove è possibile richiedere qualsiasi tipo di informazione circa la modalità di funzionamento dei prestiti. Il numero è accessibile dal lunedi al sabato dalle ore 8 alle ore 20 e permette anche di fissare un appuntamento nell’ufficio postale più vicino per poter compilare i moduli per la richiesta del Mini Prestito Bancoposta.



Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.