Imprenditore assume pizzaiolo africano: nessuno va più al suo locale.

Di questi tempi l’intolleranza e la mal sopportazione dello straniero in Italia va purtroppo di moda e sono molteplici le notizie che lo vanno a testimoniare. E’ il caso di questa notizia che è stata riportata da diversi quotidiani tra cui il Corriere della Sera: dopo aver assunto un pizzaiolo proveniente dal Gambia, un ristoratore della provincia di Rimini si è ritrovato il locale senza più clienti.

pizzaiolo africano lanzafame

Questa storia di odio che ha dell’incredibile inizia, manco a dirlo, dai social network ed in particolare Facebook, dove un individuo ha commentato in una pagina della cittadina che Riccardo Lanzafame, questo il nome dell’imprenditore proprietario della pizzeria, non era in grado di gestire il suo locale in quanto aveva assunto un ragazzo africano.

L’assurdità della vicenda è stata confermata da Riccardo Lanzafame che ha spiegato come il suo lavoro è andato a rotoli dopo l’assunzione del pizzaiolo africano: “dopo l’assunzione del ragazzo, la locanda Malatesta è andata in crisi totale, i clienti non sono più venuti al locale, ed addirittura arrivavano ordinazioni per le pizze tramite telefono, ma poi nessuno si presentava a ritirarle, con decine di ordini che cadevano nel vuoto”.

Lanzafame ha cercato di reagire al razzismo e non si è arreso, pubblicando di fatto un cartello al di fuori del suo locale: “in questo locale abbiamo assunto un ragazzo africano, se sei razzista non entrare”.
Il povero pizzaiolo protagonista della vicenda si è anche dimesso per non creare problemi al suo datore di lavoro, ma Lanzafame lo ha tenuto al suo posto dichiarando alla stampa che avrebbe combattuto fino alla fine contro l’ignoranza della gente, ed avrebbe continuato a pagare il pizzaiolo anche se i clienti fossero spariti del tutto.
Una vicenda che ha dell’incredibile, con l’ignoranza delle persone che sembra non avere alcun limite.


Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.