Barack Obama aumenta il salario minimo dei lavoratori.

Link Sponsorizzati:

Barack Obama

Questa è una di quelle notizie che colpiscono,che catturano l’attenzione,che ti portano a capire che a volte anche chi sta più in alto riesce a preoccuparsi e a badare a tutti coloro che vivono in condizioni più umili.

La notizia è ufficiale: il presidente degli Stati Uniti d’America,Barack Obama ha deciso di aumentare il salario minimo dei lavoratori. Il Premier americano agirà tramite un decreto, d’altra parte prime delle sue elezioni aveva promesso che il 2014 sarebbe stato un anno ricco di svolte,mobilità e iniziate favorevoli al cittadino.

La prima mossa è stata una sorpresa che a molti è parsa finalmente davvero progressista. Quanti ” comuni cittadini” si ritrovano a faticare molte ore al giorno per un stipendio da ” fame”? Moltissimi !
L’aumento del salario minimo per i nuovi assunti della sua amministrazione passa da 7,25 dollari l’ora a 10,10 dollari e riguarderà dal 2015 alcune migliaia di lavoratori,ma il messaggio è stato percepito con chiarezza ed è da ritenersi una decisione di fondamentale importanza..

Obama spera che la i restanti governi a livello mondiale segua il suo esempio, superino le divisioni partitiche e faccia in fretta ad alzare il salario minimo per tutti i lavoratori introducendo anche un meccanismo di “scala mobile” che adegui gli stipendi al reale tipo di lavoro che si va a svolgere.

Sono infatti passati sette anni dall’ultima volta in cui i salari furono aggiustati sulla base del reale costo della vita.Che dire a riguardo? Speriamo che anche qui in Italia  prima o poi ci sia un presidente così premuroso verso il cittadino,verso le sue esigenze.
Il nostro paese si sa,ormai è da anni in crisi,ma sono notizie come questa che devono spingerci a capire,che se si vuole una soluzione la si trova sempre,che se si vuole anche una “STALLA” può diventare una “STELLA”.

E’ utile e opportuno offrire gli stessi diritti,le stesse potenzialità ed opportunità a tutti.Non e’ da escludere la speranza di invertire la rotta,capovolgere il decreto di Obama,diminuendo nel nostro paese gli stipendi d’oro.



Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *