Ferrovie dello Stato cede gratuitamente 1800 stazioni in disuso: ecco come fare domanda.

Link Sponsorizzati:

Ferrovie dello Stato cede gratuitamente 1800 stazioni in disuso: ecco come fare domanda.[..]

stazione treni abbandonata

Le Ferrovie dello Stato Italiane sono impegnate in un progetto di riorganizzazione e riqualificazione del proprio patrimonio immobiliare non utilizzato che comprende delle stazioni abbandonate e delle linee ferroviarie dismesse.
Sono ad oggi circa 1800 le stazioni italiane di Ferrovie dello Stato non utilizzate che il Gruppo ha deciso di cedere in comodato d’uso gratuito ad associazioni e comuni per progetti sociali che possano riqualificare il territorio e migliorare la vita della comunità.

Al momento sono state già assegnate circa 345 stazioni per un totale di oltre 63.000 metri quadrati di superficie.
Da qualche giorno è stato avviato anche un secondo progetto di riqualificazione per il riuso sociale e ambientale degli spazi, in seguito ad un accordo tra la Regione Toscana, Legambiente, Associazione Italiana Turismo Responsabile, Centri di Servizi per il Volontariato e Legacoop Sociali.

Un esempio su tutti della bontà del progetto risiede nella stazione di Ronciglione che è stata convertita in una casa di accoglienza per le famiglie con bambini affetti da malattie di tipo oncologico, un progetto curato dall’associazione Cuore di Mamma che è stato molto apprezzato dalla comunità.
Oltre alle stazioni abbandonate, Ferrovie dello Stato Italiane dispone anche di oltre 3000 km di linee ferroviare dismesse, di cui 325 km sono state già riconvertite in percorsi ciclabili attraverso un piano di Greenways, imitando alcune Nazioni Europee come Spagna e Germania che hanno già intrapreso questo tipo di progetto.

Ulteriori Informazioni:

Un esempio di tale riqualificazione risiede nella ex-linea ferroviaria Roma – Cesano, ora riconvertita in pista ciclabile e resa accessibile a tutti in maniera libera.
Per ulteriori informazioni dovete fare click qua e attendere qualche secondo affinchè la pagina carichi correttamente.



Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.