Il governo ha deciso: “Stop ai venditori abusivi sulle spiagge”.

Link Sponsorizzati:

venditore abusivo spiaggia

Ormai siamo abituati alla presenza dei tantissimi venditori abusivi che ogni estate popolano le nostre spiagge, ed anno dopo anno ci rendiamo conto che sono sempre di più. Alcune città hanno già provveduto negli scorsi anni, ad attuare dei provvedimenti che vietano ai venditori abusivi di circolare nelle spiagge e ” disturbare” la gente che si reca al mare, magari semplicemente per riposarsi e rilassarsi.

A tal riguardo, è intervenuto il Ministero degli Interni, che ha provveduto ad emanare un provvedimento, che prende il nome di “Spiagge sicure”, un provvedimento dedicato a tutte gli italiani che, come già anticipato, si recano in spiaggia per rilassarsi, ed invece vengono costantemente disturbati dalla presenza di questi venditori abusivi, ma non solo. Ecco quanto riferisce il Viminale, con una nota: il provvedimento è rivolto “agli italiani che sono in spiaggia e non vogliono essere disturbati; ai commercianti che hanno comprato merci a un costo più alto, pagano le tasse e vendono essendo in regola con le leggi; agli imprenditori che difendono il genio italiano rappresentato dal marchio del Made in Italy”.

Tale provvedimento sarà attivo a partire da oggi e durerà per tutto il resto dell’anno. Si tratta di un intervento molto importante, perchè al di la di intervenire a favore degli italiani che vogliono semplicemente riposarsi al mare, si interviene su un altro campo, un pò più delicato, come quello della contraffazione che anno dopo anno, arreca danni consistenti all’economia del nostro Paese. Il Ministro degli Interni, Angelino Alfano, ha affermato: “Dal 1° gennaio al 30 giugno scorsi sono stati sequestrati 87 milioni di prodotti contraffatti, delle categorie merceologiche più disparate, dai farmaci agli alimentari al tessile”.

Dunque, a partire da oggi, i Prefetti ordineranno maggiori controlli sulle nostre spiagge che verranno effettuati dalle forze dell’ordine locali.



Commenti

comments

3 Responses to Il governo ha deciso: “Stop ai venditori abusivi sulle spiagge”.

  1. gian sartirano ha detto:

    mi sembra talmente ovvio che non necessiterebbe di un commento. Tuttavia, dal punto (molto basso) in cui siamo arrivati, qualsiasi iniziativa rivolta a valorizzare il lavoro degli italiani (e mi riferisco solo a questo, il disagio sulle spiagge è piccola cosa)e a contrastare chi produce falsi da far vendere ai clandestini (anche per questa ragione ne servono tanti)qualsiasi iniziativa è degna di plauso. Bravo Alfano, se continui così ce ne ricorderemo alle prossime elezioni.

  2. MARIO SANTINI ha detto:

    ma invece di fare le leggi BLA BLA Bla CHE DURANO SI E NO UNA SETTIMANA MA NON SI FANNO LEGGI PER LA DISOCCUPAZIONE DEI GIOVANI , PER MANDARE GLI ANZIANI IN PENSIONE . PER AIUTARE LE FAMIGLIE CHE NON ARRIVANO ALLA FINE DEL MESE IL GOVERNO BLA BLA BLA FA LE LEGGI SPECCHIETTO CIOE’ LEGGI CHE HANNO RFFRYYO SULLA GENTE ,MA POI NON C’E’ NESSUNO CHE LE FA RISPETTAREE LA DISPOSIZIONE CHE GLI IMMIGRATI NON VENDERANNO PIU’ SULLE SPIAGGIE E’ ANCORA UNA PRESA PER I FONDELLI, VOGLIO VEDERE QUANTI PREFETTI APPLICHERANNO QUESTA DISPOSIZIONE DEL MINISTRO ALFANO BLA BLA BLA , QUANDO MANCANO UOMINI E SOLDI ALLE PREFETTURE.OGNI VOLTA CHE IL MINISTRO ALFANO FA QUESTE SPARATE NOI ITALIANI ORAMAI CI RIDIAMO PERCHE’ POI NON SE NE PUO’ APPLICARE UNA. DIREI BASTA PERCHE’ STO RIDENDO SU QUESTA SPARATA. VENISSE A FANO ALFANO E POI SI INCAZZERA’ LUI INVECE DI NOI.

    • MARIO SANTINI ha detto:

      moderazione perché se è la verità. quando si dice che si va in Germania a girare le scrivanie per avere degli aiuti sugli sbarchi, quando si dice che verranno rispediti gli immigrati nel loro paese se non rispettano le leggi italiane , quando commettendo un reato vengono processati e subito rilasciati, quando chi lavora o ha un negozio il 70% NON PAGA le tasse che cosa dobbiamo dire se non ridere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.