Bando INPS per i disoccupati: incentivi per l’assunzione di agricoltori.

Link Sponsorizzati:

lavoro agricoltori

Sei un datore di lavoro agricolo e vuoi assumere personale da impiegare in azienda? Da oggi potrai usufruire di una serie di incentivi compresi nel periodo che va dal primo luglio 2014 al 30 giugno 2015 e che potranno essere utilizzati per assumere giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni.

Per poter beneficiare di tali incentivi, i nuovi assunti dovranno trovarsi in alcune situazioni specifiche, ovvero:
– non essere lavoratori retribuiti da almeno sei mesi, ovvero essere privi di un lavoro retribuito da almeno sei mesi e che non abbiano prestato lavoro nel semestre precedente l’assunzione
– non aver conseguito un diploma di istruzione secondaria di secondo grado.

Dunque, tutti i datori di lavoro che assumeranno a tempo determinato, giovani tra i 18 e i 35 anni disoccupati potranno beneficiare di tali contributi. Inoltre, nel caso in cui venga sottoscritto un contratto di lavoro a tempo determinato, questo dovrà avere una durata di almeno 3 anni, e garantire così al lavoratore un’occupazione di un periodo minimo di 102 giornate in 365 giorni.

Quanto sarà l’importo di tali incentivi? L’importo verrà calcolato sulla base della retribuzione lorda imponibile ovvero sarà 1/3 della stessa, e non potrà ad ogni modo superare i 3.000 euro per i lavoratori a tempo determinato e i 5000 euro per i lavoratori a tempo indeterminato. Come richiederli? Semplice, bisognerà rivolgersi all’INPS, soltanto tramite pc, a partire dal giorno 10 novembre 2014.Chiunque volesse reperire ulteriori informazioni, potrà consultare la circolare cliccando sul seguente link.



Commenti

comments

One Response to Bando INPS per i disoccupati: incentivi per l’assunzione di agricoltori.

  1. alfio ha detto:

    carissimi internauti tutto ciò che viene emanato dallo stato è di una “distrazione” paurosa verso le vere esigenze. politicanti e burocrati che vivono rinchiusi nel palazzo lontano dalle vere esigenze dei cittadini. per conoscenza, da anni cerco di avere ascolto da parte di politici, sindacati, università, giornalisti ecc. per avere modo di far conoscere un mio progetto di inclusione sociale che pone soluzioni a moltissime questioni che riguardano questo settore, ma a nessuno frega un accidenti. restituire legalità ai territori, dare una reale possibilità a quanti oggi vivono il disagio lavorativo senza alcun costo per lo stato non è ritenuto meritevole di attenzione. mentre creare caos sociale è degno di lode

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.