Bonus Biciclette: informazioni, come richiederlo, scadenza e rimborsi.

Ecco nuove informazioni per quanto ne concerne del tanto atteso Bonus Bici 2020. Novità dal nuovo Decreto Mobilità del 5 Settembre. Ecco come richiederlo, a chi spetta e per quanto sarà valido.

bonus mobilità biciclette monopattino 2020

Il Bonus Bici 2020 è finalmente attivo. Sabato 5 Settembre è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto attuativo per il rimborso destinato alla mobilità.
Con la pubblicazione in Gazzetta, inizia a decorrere il termine dei 60 giorni per ultimare il portale che gestirà il servizio e l’erogazione sia dei buoni sconto sia dei rimborsi.
Entro il 4 novembre, quindi, il grattacapo del bonus bici e monopattino dovrebbe concludersi.

Come funziona il Bonus Bici 2020?

Non solo bici ma anche monopattini, e-bike, segway e così via. Col nuovo decreto mobilità, per il Bonus Bici, finalmente abbiamo una data da quanto annunciato ad inizio Settembre, sarà online dal sito del Ministero al portale dedicato.
Non ci sarà più bisogno dell’App Bonus Bici, ma si potranno acquistare bici e quant’altro tramite dei voucher, oppure presentare gli scontrini “parlanti”, cioè scontrini fiscali o fatture che riportino il codice fiscale dell’acquirente e la descrizione del prodotto stesso, per gli acquisti in bici risalenti ala data del 4 Maggio 2020.
Rimborsi entro 10-15 giorni dalla domanda.

Il bonus è pari al 60% della spesa sostenuta e, in ogni caso, non oltre il valore di 500 euro.
Ci saranno due fasi: in una sarà il cittadino ad essere rimborsato del 60% della spesa; nella seconda il cittadino paga al negoziante aderente direttamente il 40% e sarà il negoziante aderente a ricevere il rimborso del 60%. Il rimborso avverrà nei limiti delle risorse disponibili.
Ecco le due fasi:

  • Fase 1 (dal 4 maggio 2020 fino al giorno di inizio operatività dell’applicazione web): è previsto il rimborso al beneficiario; per ottenere il contributo è necessario conservare il documento giustificativo di spesa (fattura e non scontrino) e allegarlo all’istanza da presentare mediante l’applicazione web.
  • Fase 2 (dal giorno di inizio operatività dell’applicazione web): è previsto lo sconto diretto da parte del fornitore del bene/servizio richiesto, sulla base di un buono di spesa digitale che i beneficiari potranno generare sull’applicazione web. In pratica gli interessati dovranno indicare sull’applicazione web il mezzo o il servizio che intendono acquistare e la piattaforma genererà il buono spesa digitale da consegnare ai fornitori autorizzati per ritirare il bene o godere del servizio individuato.

Chi intende acquistare una bicicletta deve registrarsi ad un portale web, accessibile anche dal sito del Ministero dell’Ambiente, fornendo i propri dati (accertati tramite Spid). Dopo la registrazione viene assegnato un bonus da spendere entro 30 giorni.

Il Bonus Bici 2020 a chi spetta?

Il Bonus Bici del 2020 è rivolto ai residenti di città capoluogo di ogni regione e provincia, quindi delle città metropolitane con popolazione maggiore di 50.000 abitanti.

Le Città metropolitane sono 14: Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma Capitale, Torino, Venezia. L’elenco dei Comuni appartenenti alle suddette Città metropolitane è consultabile sui relativi siti istituzionali.
Per la popolazione dei Comuni si fa riferimento alla banca dati Istat relativa al 1° Gennaio 2019.
Un altro requisito è quello d’età, con un’età maggiore dei 18 anni, il quale potrà beneficiarne soltanto una volta.

Data Scadenza Bonus Bici 2020

Il Bonus Bici 2020 ha valenza fino al 31 Dicembre 2020, annunciato nel nuovo Decreto Mobilità del 5 Settembre 2020, per gli acquisti a partire dal 4 Maggio 2020.
Ma in realtà il Decreto Mobilità, e quindi il bonus bicicletta, ha un tetto massimo di 210 milioni di euro, i quali se utilizzati ci sarà lo stop al Bonus stesso.
Per saperne di più ed essere sempre aggiornati, oltre che richiederlo vai al sito ufficiale del Ministero dell’Ambiente.

Bonus Mobilità: non solo Bici anche Rottamazione Auto

Non solo bonus su acquisti in bici, il Decreto Mobilità è chiaro e offre anche supporto per una rottamazione auto, in cambio di veicoli meno inquinanti.
Il bonus riguarda le rottamazioni già effettuate dal 15 ottobre 2019 entro il 18 maggio 2020 e quelle che si effettueranno a partire dal 1° Gennaio 2021 fino al 31 dicembre 2021.
Il bonus potrà essere richiesto a partire dal 1° Gennaio 2021 attraverso un’applicazione web.
I veicoli la cui rottamazione dà diritto al bonus sono le autovetture fino alla classe Euro3 o motocicli fino alla classe Euro2 ed Euro3 a due tempi.

Il Bonus Rottamazione in questione, sarà però destinato ai residenti in quei comuni con la più alta concentrazione di smog. Quei centri abitati, cioè, che sforano i limiti di concentrazione di polveri sottili e biossido d’azoto, individuate dalla direttiva 2008/50/CE.
Sono però ancora da definire le modalità di erogazione e le tempistiche a riguardo.

Articoli che potrebbero interessarti:

Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button