Catania, un negozio ai clienti “Non date soldi ai rom, guadagnano 80 euro al giorno”

Link Sponsorizzati:

non date soldi ai Rom

La crisi economica ma soprattutto la recessione che sta portando al collasso il Paese, ha portato sul lastrico intere famiglie che non riescono più ad andare avanti ed accontentare i propri figli..

Nonostante tutto, gli italiani continuano a fare sacrifici e a lavorare duramente per cercare di arrivare a fine mese: c’è chi però, secondo ciò che è stato riportato da alcune persone, guadagna alte cifre semplicemente chiedendo l’elemosina.
Da circa 3 anni infatti diversi componenti di etnia Rom sostano vicino ad un supermercato in piazza Cavour (centro della città di Catania) e guadagnano chiedendo soldi ai passanti. Per questo motivo, i gestori dell’attività hanno deciso di appendere un cartello diretto a tutti i clienti: “Non fate l’elemosina agli zingari davanti alla porta. Guadagnano dai 60 agli 80 euro al giorno, più di un operaio specializzato italiano. Inoltre si tratta di un importo esente di tasse!” Polemiche a Catania per il cartello affisso all’ingresso di un supermercato. La direzione del negozio si difende: “Non è razzismo. Allontanano i clienti indispettiti dall’insistenza. Abbiamo chiesto l’aiuto delle forze dell’ordine ma ci dicono che è un problema dei servizi sociali del Comune”.

La direzione continua specificando: “Fanno i nostri stessi orari di lavoro e, quando vanno in ferie, mandano dei parenti a sostituirli. Della cifra siamo certi perché, a fine giornata, vengono alle casse per chiedere di cambiare le monete con banconote”.
“Non siamo razzisti, vogliamo soltanto tutelarci: anche clienti che abitano qui vicino non vengono per evitare di subire la pressante richiesta di elemosina. Alcuni prendono le buste della spesa dei clienti e li accompagnano fino alle auto. La nostra iniziativa vuole essere uno stimolo a pensare e speriamo che chi può adesso agisca nel fare rispettare le leggi”.



Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.