Centri per l’impiego: Concorsi Pubblici per 4500 nuovi posti di lavoro.

Il Ministero del Lavoro aveva già presentato un piano per potenziare i Centri per l’Impiego in Italia: finalmente si può andare avanti con i concorsi per assumere nuovo personale, con 4.500 risorse entro la fine del 2021.

centri impiego offerte di lavoro

Il piano prevede infatti un importante incremento del personale che permetterà anche di gestire tutte le politiche di rilancio che il Governo sta varando di settimana in settimana. Tra le altre, infatti, sta per partire il GOL – Garanzia di Occupabilità dei Lavoratori che porterà diverse iniziative per i disoccupati volte a favorire l’occupazione.

Il piano prevedeva originariamente l’assunzione di 11.600 risorse, ma molte Regioni sono ancora in ritardo ( Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia e Sardegna). Il Governo ha già diffidato tali Regioni e le ha invitate ad accelerare le assunzioni, in quanto il piano di sviluppo dei servizi per il lavoro non può essere rallentato.

Alessandra Nardini, Coordinatrice degli Assessori Regionali al Lavoro, ha comunicato che saranno effettuate 4.500 assunzioni per i Centri per l’Impiego entro la fine dell’anno, quindi arriveranno presto diversi bandi di concorso per i vari uffici regionali, anche grazie ai fondi del Recovery Fund ottenuto dall’ex Premier Giuseppe Conte. Tali fondi saranno gestiti nell’ambito del PNRR – Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza: saranno cinque miliardi i fondi investiti per il potenziamento dei Centri per l’Impiego, mentre un miliardo sarà dedicato alla formazione di tutti i lavoratori già in servizio per rendere i Centri per l’Impiego.

Alcune Regioni, come Lazio, Puglia, Piemonte e Calabria, hanno già pubblicato i primi bandi, entro le prossime settimane man mano tutte le altre dovrebbero adeguarsi.
Dovremo quindi attendere la pubblicazione dei vari bandi di concorso che saranno proposti dalle singole Regioni, noi non esiteremo ad aggiornarvi non appena ci saranno novità, vi invitiamo quindi a seguire la nostra pagina.

Articoli che potrebbero interessarti:

Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button