Come diventare Giornalista: ecco tutte le informazioni utili.

Link Sponsorizzati:

come diventare giornalista

Siete amanti del settore giornalistico? Inseguite il sogno di diventare giornalista da diverso tempo e non sapete ancora come fare? Volete avere maggiori informazioni sul tema in questione? Bene, in questo articolo cercheremo di essere esaustivi, dandovi più risposte dettagliate a riguardo, vi elencheremo le caratteristiche di questa bellissima professione, vi indicheremo come muoversi al meglio seguendo le indicazioni fornite dall’Ordine dei Giornalisti e infine vi consiglieremo vari comandamenti da seguire.

  • Ma prima di tutto chi è il giornalista? Di che cosa si occupa esattamente?

Il giornalista (comunemente conosciuto, in lingua inglese, come reporter) è un lavoratore del campo dell’informazione nel settore del giornalismo che si occupa di scoprire, analizzare, descrivere e scegliere notizie per poi diffonderle.
Il giornalista redige articoli, inchieste (o reportage) o editoriali per testate giornalistiche periodiche o agenzie di stampa, su un mezzo di comunicazione di massa (carta stampata, radio, televisione, internet).

  • Com’è regolamentata la figura del giornalista nel nostro paese?

Diversamente dalla maggioranza degli altri stati europei (tra i quali l’Olanda, dove la professione di giornalista non è normata per legge e chiunque la svolga ha il diritto di definirsi tale), in Italia l’attività del giornalista è regolamentata da una legge (legge del 3 febbraio 1963, n. 69). La legge ha creato un organismo, l’Ordine Nazionale dei Giornalisti, al quale tutti coloro che esercitano l’attività giornalistica (sia come professione o come attività non principale) hanno l’obbligo di iscriversi.

Chi non è iscritto all’ordine non può, ai sensi della legge, definirsi giornalista. Da un punto di vista pratico però, diversamente dalle altre professioni normate (come l’avvocato e il medico), chiunque può svolgere un’attività in tutto eguale a quella del giornalista, in quanto la Costituzione italiana tutela la libera manifestazione del pensiero. L’esercizio abusivo della professione giornalistica, al pari delle altre professioni regolamentate, è un reato.

  • Quali sono le regole principali per diventare un buon giornalista?

– Quando si inizia a scrivere c’è una sola persona veramente importante nella tua vita. Questa persona, mai vista e conosciuta, si chiama lettore;
– Il Giornalismo è una mansione importante. Ma non deve, mai, sentirsi e mostrarsi importante nei confronti del lettore (nel caso dei giornali, sia cartacei che digitali);
– Nessun lettore protesterebbe se il giornalista ha reso un fatto più semplice da capire (durante la narrazione giornalistica sono indispensabili e vitali le parole semplici, idee chiare e frasi brevi);
– Un grave errore da non commettere nel campo del giornalismo è di sopravvalutare quello che il lettore sa e di sottovalutare invece la sua intelligenza;
– Un buon giornalista non deve iniziare a scrivere fino a quando non ha deciso qual è il senso della storia.

  • Esame da giornalista, requisiti principali:

Come specificato dall’Ordine dei Giornalisti, “possono divenire giornalisti professionisti solamente coloro che hanno svolto almeno 18 mesi di praticantato in una redazione dove sono assunti già altri professionisti (almeno quattro, retribuiti secondo il contratto nazionale di lavoro giornalistico). Successivamente l’aspirante professionista deve superare un esame di idoneità professionale, scritto e orale, davanti a una commissione presieduta da un magistrato”.

Nel frattempo, il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei giornalisti ha indetto la 123esima sessione di esami per la prova di idoneità professionale per l’iscrizione nell’elenco dei giornalisti professionisti.
La prova scritta avrà luogo a Roma il 27 aprile 2016 alle ore 8,30, presso l’Ergife Palace Hotel (Via Aurelia, 617).
Le domande di ammissione devono essere redatte su apposito modulo on line nella sezione “esami” del sito www.odg.it e consegnate direttamente a mano alla direzione, oppure inoltrate per mezzo postale, entro e non oltre il 26 febbraio 2016.



Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *