Bonus di 80 euro al mese disponibile anche per disoccupati e pensionati.

Link Sponsorizzati:

bonus 80 euro

Tante polemiche riguardo il famoso bonus delle 80 euro, voluto fortemente da Renzi, come riconoscimento della riduzione del cuneo fiscale. L‘Inps con il messaggio 5661 ha delineato le linee guida per l’erogazione del bonus di 80 euro ad alcune categorie di lavoratori dipendenti, pensionati ed alcune categorie di disoccupati.

Sono delle linee guida molto utili per tutti i soggetti che rientreranno nei soggetti beneficiari predisposti dal governo Renzi per dare la possibilità alle famiglie italiane di rilanciare i propri consumi. Novità dunque per i pensionati, e i titolari di prestazioni di accompagnamento alla pensione, tipo i titolari degli assegni straordinari di sostegno al reddito erogati forma rateale dal Fondo ex monopoli di Stato, ai quali verrà erogato il bonus di 80 euro a partire dal mese di luglio 2014, con un importo che sarà messo in evidenza nel database delle pensioni che sono gestite dall‘Inps. Il bonus di 80 euro verrà anche assegnato ai titolari di prestazioni a sostegno del reddito, in base ai dati reddituali aventi a disposizione.

L‘Istituto precisa, inoltre, che gli assicurati potranno presentare delle certificazioni, dichiarazioni, per inoltrare una rinuncia o il riconoscimento del credito, nei casi previsti dall’istituto stesso e che elenchiamo di seguito:

– gli assicurati che non hanno i presupposti per il riconoscimento del beneficio sono tenuti a darne comunicazione all’INPS che provvederà a recuperare il credito eventualmente erogato dai pagamenti successivi e, comunque, entro i termini di effettuazione delle operazioni di conguaglio di fine anno;
– gli assicurati che, oltre ad essere titolari di redditi da prestazione previdenziale, siano, contestualmente, titolari di altri redditi da lavoro dipendente, i cui importi singolarmente considerati darebbero diritto al credito, ma complessivamente considerati eccedano la soglia massima prevista dal comma 1-bis dell’art 13 del T.U.I.R. per la concessione del credito, sono tenuti a darne comunicazione all’Istituto che non riconoscerà il credito;
– gli assicurati che, oltre ad essere titolari di redditi da prestazione previdenziale, siano titolari contestualmente anche di altri redditi da lavoro dipendente (es. la Cassa integrazione a orario ridotto), i cui importi complessivamente considerati non eccedano la soglia massima prevista dal comma 1-bis dell’art 13 del T.U.I.R. per la concessione del credito, sono tenuti a chiedere ad uno dei sostituti di imposta di non riconoscere il credito in modo che lo stesso sia erogato da un solo sostituto.

Tutti coloro, che comunque, vorranno delucidazioni sul bonus delle 80 euro, ricordiamo che potranno rivolgersi all’ufficio territoriale Inps più vicino, o consultando il sito internet dell‘Inps.



Commenti

comments

17 Responses to Bonus di 80 euro al mese disponibile anche per disoccupati e pensionati.

  1. antonella spina ha detto:

    salve sono spina antonella ho la pensione di invalidita del 75% pultroppo con solo 270 euro circa devo mantenere 3 figli il piu grande solo 14 anni e oltre i figli ce anche la casa luce ,metano ……..

  2. SOLIMINE POTITO ha detto:

    Ci sono anziani e gente ignoranti che non sanno dove e come fare. I.P.N.S.Quando ci sono dei conteggi delle trattenute, sanno fare bene dei conti. Ma nei casi del genere, se ne fregano perché sanno che ci quadagneranno a spese dei malcapitati della povera gente ignorante che non compilano dei documenti che non sono in loro possesso e non sanno dove rivolgersi.Questa è la legge Italiana.

    • gianni ha detto:

      http://news.biancolavoro.it/bonus-80-euro-via-anche-disoccupati-pensionati/

      Io sto provando su questo sito, è uno dei tanti blog-magazine che ormai riempiono la rete.
      C’è di bello che informano gli utenti (pensionati) che si troveranno questo ormai leggendario “bonus di 80€” già nella pensione di luglio; l’INPS elargirà gli “80€” a tutti i titolari di pensione (ma non capisco entro quale tetto).
      Comunque sia spetta ai titolarti valutare se prenderli o restituirli..!!!! In sintesi il pensionato deve sapere se ne ha diritto o meno,in caso contrario verranno recuperati quando faranno i conti con il conguaglio di fine anno.
      Credo che nel medioevo fossero più organizzati.

  3. Lucia ha detto:

    E’ vero. Ritengo che la finanza quando vuole trovare le famiglie per prendergli qualcosa sa come fare…accedono alle liste e agli archivi tanto siamo tutti schedati, ma quando deve dare non sa come fare per arrivare alle persone. i DIRITTI DEVONO ESSERE TUTELATI E DATI SENZA NESSUNA NECESSITà DI COMPILARE DOMANDE E CERTIFICATI. NON SE NE PUò PIU DI LUNGAGGINI BUROCRATICHE. ESISTE UN DIRITTO? LA FINANZA PUò SCARICARE UNA LISTA DELLE PERSONE CHE NE HANNO DIRITTO E INVIARE IL TUTTO A DOMICILIO DEL CONTRIBUENTE…SEMPLICE! SAREBBE L’UNICO MODO PER TUTELARE ANCHE IGNORANTI E ANZIANI…ALTRIMENTI VINCE SOLO E SEMPRE CHI SA COME DISTRICARSI TRA MILLE PERIPEZIE E INOLTRE COLORO CHE HANNO VERAMENTE NECESSITA’ DI AIUTI ECONOMICI E MATERIALI SONO PROPRIO COLORO CHE NON HANNO ACCESSO PER MANCANZA DI SOLDI A INTERNET, GIORNALI E SISTEMI DI INFORMAZIONI. QUANDO SI DECIDERANNO DI FARE LE COSE EQUE?

  4. solimine potito ha detto:

    Ci sono non solo le € 80,00.Ma ci stanno mettendo nelle condizioni di essere razzisti, quando invece è lo stato ed l’unone europeo razzista. Arrivavo migliaia di profughi tutti in Italia, le nazioni europei se ne fregano. Cosa fa il governo Italiano ? Da un mensile ai profughi, questo per far si che noi popolo Italiano gli odiamo questi profughi. Come a loro un mensile case e tutto il necessario, e noi Italiani ? La fame.E’ tutto un imbroglio politico con l’unione europeo.Qui entra il gioco delle € 80,00. W L’UNIONE EUROPEO E L’ITALIA.

  5. solimine potito ha detto:

    € 80,00. Ma cosa vogliono che facciano. Si perde la casa, si perde il lavoro, luce gas che aumentano, i viveri, lo dico : Si fa la fame.Tutto aumenta dalla A alla Z.
    Se io ricevo questa somma di € 80,00, mi vado a pulire il culo.C’è gente che si ammazza per la disperazione, ed il Signor Renzi e tutti coloro che ci governano cosa fanno ?
    Vi diamo € 80,00. C’è da ridere. E poi poveri noi cittadini, siamo li con la bocca aperta,” E’ VERO ?”
    Povero me che sono Italiano, mi vergogno.

  6. solimine potito ha detto:

    Ultima cosa. Devo essere in attesa se il mio commento è idoneo alla commissione. E’ pazzesco. Lo vediamo in TV.
    I politici che si contradiscono alle loro opinioni, che si prendono a seggiate e varie. Io che dico quello che penso, lo devono prima esaminare. No non va bene.
    Questo lo devo dire. E non fate l’esame del mio commento, è la verità. Noi Italiani, siamo governati da tre tasse.
    GOVERNO + MAFIA + CHIESA.Tre belle società dello stato.

  7. solimine potito ha detto:

    Se potessi esprimermi su tutta la corruzzione che c’è in Italia, e diciamolo, anche nelle altre nazioni. Dico che c’è un mondo troppo corrotto.E la corruzzione porta anche soprattutto alle querre. Ma banedetto uomo, qui non riesco a capire, cosa ne fate della ricchezza ? Un giono morirai, e tutto il tuo bene sulla terra lascerai.la tua potenza nel nulla andrà. ” SI NASCE RICCHI, POVERO MORIRAI” La politica dovrebbe essere per tutti uquali.

  8. enzoabate ha detto:

    io sono disoccupato da molti anni, è nessun governo fa mai niente, ora che siamo entrati nell’unione europea perchè non non seguiamo esempi degli altri paesi, che danno un sussidio ai disoccupati’ è poi quando esce un lavoro ti tolgono il sussidio, almeno farebbe respirare molte persone, con questa inizitiva!

  9. Piero Bea ha detto:

    Perche’cosi tanta burocrazia, quando vogliono trattenere una tantum e così via non hanno bisogno di nessuna comunicazione da parte nostra, sarebbe ora di prendere esempio di alcuni stati che quando ti devono qualcosa te lo danno senza problemi e complicazioni. Per il beneficiario..ma i nostri politici pensano solo di riempire le loro tasche……..l… i.

  10. Paola ha detto:

    Io invece li ho ricevuti dall inps e sono disoccupata.

  11. nicaeli ha detto:

    ..tutta utopia e filosofia…tanto loro son seduti comodi e con pensioni da sceicchi..di tutto il resto…

  12. Luigi ha detto:

    Ciao a tutti, perché non ci uniamo tutti e andiamo in piazza a rompere i coglioni a questi politici di M….. che hanno ucciso una nazione.

    ITALIANI DOBBIAMO TIRARE FUORI I COGLIONI…. E FARCI SENTIRE

  13. francesco ha detto:

    ho 59 anni e vivo con una pensione di invalidita’ e sono stato licenziato perché la ditta ha chiuso in piu’ la famigerata INPS mi ha pure diminuito la cifra della mia pensione di 35 euro quando voglono li sanno fare i conti a loro favore ma quello che ci spetta quando si ricordano

  14. potito ha detto:

    NON SO PIÙ COSA DIRE, STO ANDANDO INCONTRO ALLA MORTE PER LA VECCHIAIA E GLI ACCIACCHI, ( COME TUTTI ) MI ARRENDO ALLA VITA CHE SI È SEMPRE FATTA E CHE STA’ PEGGIORANDO. IL GIORNO CHE ANDRÒ VIA, ANCHE CON LA PAURA DI MORIRE, MA DEVE ARRIVARE. DIRÒ : ERA ORA CHE ME NE VADA DA QUESTO MONDO SCHIFOSO A CAUSA DELL’UOMO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *