Concorsi Ministero Giustizia: 1092 nuove assunzioni a tempo indeterminato.

Sono stati confermati nuovi bandi di concorso da parte del Ministero della Giustizia che procederà a nuove assunzioni in base al Decreto PNRR 2. Saranno 1.092 le risorse che saranno inserite da qui al 2023 tramite concorsi pubblici, di cui anche 11 dirigenti penitenziari.

istruttore amministrativo lavoro concorsi pubblici

I bandi di concorso sono stati sbloccati in base al nuovo Decreto PNRR 2 del 30 aprile 2022, come richiesto dal Ministro Marta Cartabia. Con tali assunzioni, infatti, il Ministero della Giustizia si propone di potenziare l’organico del Dipartimento per la Giustizia minorile e per le Comunità, proposta che era stata temporaneamente bloccata, ma finalmente messa a posto con l’ultimo Decreto.

In particolare nel Decreto sono stati sanciti due punti fondamentali:

  • accelerazione di tutte le procedure di immissione in ruolo per quanto riguarda i concorsi già banditi dal Ministero
  • stanziamento di 47 milioni di euro volti al rafforzamento dell’organico del dipartimento per la Giustizia minorile e di comunità del Ministero della Giustizia

Per questo motivo con il Decreto PNRR 2 sono state confermate 1.092 assunzioni di personale non dirigenziale a tempo indeterminato e 11 dirigenti penitenziari a tempo indeterminato a partire dal 2023. Tali assunzioni permetteranno alle nuove risorse di andare a lavorare in un progetto di valorizzazione delle pene sostitutive per pene detentive brevi o lavori di pubblica utilità.

Bisognerà quindi attendere la pubblicazione dei bandi di concorso da parte del Ministero della Giustizia, noi non esiteremo ad aggiornarvi non appena saranno presenti novità. In attesa di ulteriori notizie vi mettiamo a disposizione il testo integrale del nuovo Decreto PNRR 2 del 30 aprile 2022.
Desideriamo ricordarvi che tutti gli annunci di lavoro sono rivolti ad entrambi i sessi, ai sensi delle leggi 903/77 e 125/91 (tranne ove specificato).

Articoli che potrebbero interessarti:

Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button