La Germania è a rischio default: ecco perchè.

Link Sponsorizzati:

angela merkel default germania

Il default per la Germania sembra essere molto vicino e lo testimonia il fatto che la Deutsche Bank ha una esposizione ai derivati pari a 54,7 trilioni di euro. Stando a quanto emerso, sembra che la banca con la maggiore esposizione in derivati al mondo è Deutsche Bank che ammonta a quota 54,7 trilioni di euro; si tratterebbe dell‘elefante esposto nella cristalleria di Deutsche Bank,il cui valore equivale a 20 volte il Pil Tedesco che è di 2,74 trilioni e almeno cinque volte il Pil dell’intera Eurozona, ovvero 9,6 trilioni.

Nel gionale online Usa zerohedge.com si legge quanto segue:” questa esorbitante cifra, per effetto di una magia contabile “precipita a 504,6 miliardi di euro in asset e 483,4 in passività, le cifre comunque più grosse in un bilancio da 1,6 trilioni. Al netto, dunque l’esposizione diventa di 21,2 miliardi… un giochetto contabile che funziona però solo nella teoria”.

Dai dati emersi negli ultimi giorni, sembra che da aprile 2013 Deutsche Bank ha diluito il capitale del 10%, per poi successivamente predisporre ben 3 aumenti di capitale, ovvero uno da 3 miliardi e altri due da 1,5 miliardi ciascuno.Il risultato? Stando a quanto dichiarato dal giornale, il risultato è il seguente, ovvero che “la banca è nella stessa situazione di un anno fa”, ovvero non è cambiato nulla. “La conclusione di questa storia è sempre la stessa: questa esposizione epica in derivati è la principale ragione per cui la Germania, scalciando e urlando teatralmente negli scorsi cinque anni, ha fatto ogni cosa in suo potere per assicurarsi che non ci fosse un collasso a effetto domino nelle banche europee che avrebbe certamente fatto precipitare la catena di collaterali in pancia a Db e la loro conversione da lordo a netto e che causa a Anshu Jain, e certamente a ogni altro ceo di banca, risvegli bruschi in un bagno di sudore ogni notte”, si legge nel giornale Usa. 

Fonte



Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.