Si cercano Donatori di Coccole per neonati abbandonati.

Link Sponsorizzati:

Si cercano Donatori di Coccole per neonati abbandonati: ecco come candidarsi.

mamma abbraccia figlio

Oggi vogliamo parlarvi di un’ “opportunità di lavoro” davvero entusiasmante e particolare: tra le cose più dolci e vere nel mondo vi è sicuramente la relazione inspiegabile che c’è tra una madre e il suo bambino, bisogni naturali di amore che giovano alla salute mentale e fisica delle persone e portano felicità ad entrambi.
Ricordiamo che le prime fasi della vita di un bambino ne forgiano il carattere, la forza, la salute e le sue attitudini. E’ quindi fondamentale poter dedicare del tempo ai bambini e soprattutto donare loro infinito amore, molto più importante di cibo, scuola, vestiti ed altri oggetti materiali.

Lo psicoanalista Renè Spitz ha compiuto una serie di studi su questo argomento spiegando che tutti i neonati che vengono privati di questo affetto nelle prime fasi della vita, come ad esempio coloro che sono negli orfanotrofi o abbandonati negli ospedali appena nati, vanno incontro con il passare degli anni a diversi danni.
Tali danni possono essere molteplici e possono essere di tipo motorio, affettivo, del linguaggio o anche dello sviluppo dell’intelligenza. Addirittura nella sua ricerca Spitz ha fatto notare che il 60% dei bambini che non ricevono alcun amore nei primi mesi di vita si ritrovano a morire prima dei due anni di età, anche senza alcun problema nell’alimentazione o nella propria igiene.

Ci sono quindi diverse associazioni nel mondo che si occupano in maniera volontaria di coccolare i neonati abbandonati nelle prime settimane di vita. I volontari vengono selezionati con cura e partecipano nelle prime fasi della vita dei piccoli, aiutandoli anche nell’inserimento nelle famiglie adottive.
In Italia vi è l’Associazione Dharma che si occupa di questo nobile lavoro e conta ad oggi circa 300 volontari, sperando che l’iniziativa possa presto diffondersi in maniera più capillare.
Vi chiediamo di condividere l’articolo e di diffondere questa bellissima iniziativa.



Commenti

comments

9 Responses to Si cercano Donatori di Coccole per neonati abbandonati.

  1. Lucinda Zanella ha detto:

    Sono una ragazza di 26 anni e adoro i bambini quindi sarebbe una idea stupenda questa per me…spero che a padova ci siano associazioni del genere

  2. Buon giorno…..ho appena letto l articolo inerente l’aiuto che noi adulti potremmo dare ai bambini che purtroppo vicino nn per scelta una realtà alquanto difficile. Sarei disponibile per questa bellissima iniziativa. Da mamma so quanto sia importante ricevere calore umano. Vivo a Napoli. Attendo notizie in proposito. Grazie.

  3. Monica ha detto:

    A Napoli c’ Qualcosa???

  4. Nancy ha detto:

    Vorrei sapere se c’è qualcosa a Milano..

  5. Lucia ha detto:

    Vorrei rendermi utile Reggio Emilia e Modena

  6. Maria Monaco ha detto:

    Buongiorno sono una donna di 45 anni e vorrei poter donare tante coccole….perche fa tanto bene al cuore di chi riceve ma anche di chi dona .mi potete dire se a torino esiste un associazione di questo tipo ?grazie

  7. RitA ha detto:

    Salve, sarei onorata e felicissima di potermi dedicare a questi cuccioli bisognosi d’amore. Sono una mamma di 50 anni e vivo a Napoli ma sarei disposta anche a trasferte pur di rendere felice qualche neonato. Vi ringrazio tanto per quello che già fate, auguro ai vostri neonati il meglio.Rita

  8. Michela ha detto:

    Sono mamma e nonna e di due nipoti i. Sono sempre sempre stata molto coccolona anche se non permissive. Ora che sono nonna mi accorgo che lo sono ancora di più. Amo tutti i bambini, sopratutto quelli meno fortunati. In alcuni di loro mi rivedo bambina e mi sento stringere il cuore quando sento notizie di abusi e maltrattamenti cui a volte sono sottopostoi. Abito a Verbania, potrei essere di aiuto qui, nella. Mia zona?

  9. Antonella ha detto:

    Iniziative analoghe a Trapani?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.