Vittoria del Movimento Cinque Stelle: approvato il reddito minimo garantito.

Link Sponsorizzati:

reddito minimo garantito

Grande vittoria per il Movimento Cinque Stelle, della regione Friuli Venezia Giulia, che dopo tanto lavoro è riuscito a far approvare l’ordine del giorno sul reddito minimo garantito. La giunta regionale, con l’approvazione di tale ordine, ha assunto un gravoso impegno, ovvero quello di adottare una serie di provvedimenti di sostegno al reddito, molti di questi in via di sperimentazione, per contrastare e prevenire il fenomeno della povertà, che purtroppo oggi è molto diffuso nel nostro Paese. Dunque, grazie al Movimento Cinque Stelle, e grazie al loro incessante lavoro e pressione, questo programma di sperimentazione partirà dal prossimo anno.

Ovviamente, l’opposizione ovvero la maggioranza di centrosinistra, ha cercato in tutti i modi di ostacolare il lavoro del Movimento, in primis Debora Serrachiani, la quale proprio la notte scorsa ha cercato di screditare il più possibile il lavoro del movimento lanciando accuse assurde ed infamanti, accusandoli di sentirsi i migliori degli altri per il semplice motivo di non avere alcuna esperienza, soltanto perché i grillini hanno voluto mettere in discussione le indennità di consiglieri regionali. Il Movimento risponde così alle accuse:”In realtà, se c’è qualcuno che presume di essere migliore di tutti gli altri delegittimando il lavoro dei consiglieri regionali e imponendo leggi e riforme che il Consiglio non può far altro che ratificare, è proprio la presidente.

Non abbiamo ancora imparato a esser indagati o condannati per danno erariale, né a proporre emendamenti per acquistare treni inutili, né a voltarci dall’altra parte invece di vigilare sulle voragini di bilancio di alcune partecipate. E il riferimento a Ziac e Mediocredito non è puramente causale”.



Commenti

comments

2 Responses to Vittoria del Movimento Cinque Stelle: approvato il reddito minimo garantito.

  1. Savino marta ha detto:

    Notizie del genere dovrebbero essere messe in prima pagina……e invece

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.