Abbandonare l’Euro in un weekend: ecco il piano segreto di Savona per tornare alla Lira.

Link Sponsorizzati:

In queste ore sta facendo il giro del Web un articolo riguardante un piano “segreto” a cui avrebbe pensato professor Savona: ma andiamo a vedere nel dettaglio di cosa si tratta precisamente..[..]

5000 lire

L’economista Paolo Savona è stato presente in tutti i tg in quanto è stato la “causa” della mancata formazione del governo M5S e Lega poichè “rifiutato” dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Ma molti si sono chiesti come mai il Presidente si fosse impuntato proprio contro Savona. In molti hanno provato a spiegarlo, soprattutto alcuni siti online su cui Savona ha scritto tempo fa. Pare infatti che l’economista fosse l’autore di un piano in cui si programmava l’uscita dall’euro, con un iter che prevedeva la “non comunicazione” ai cittadini, con i negoziati tenuti in segreto con l’Europa, per non spaventare mercati e cittadini.

Savona proponeva di stampare 8 miliardi di monete e lanciare la nuova Lira svalutata del 20% circa, con una riconversione totale di stipendi, pensioni, prezzi e con un periodo iniziale di standby in cui sarebbe mancata la presenza delle banconote, in quanto non possibile stampare in così breve tempo migliaia di miliardi di lire.
Anche il debito pubblico sarebbe stato riconvertito alla nuova valuta, permettendo quindi un “default” di Stato controllato, che secondo Savona avrebbe permesso all’Italia di poter rinegoziare il debito con i propri creditori, senza ricadere in maniera pesante sul popolo italiano.

Si tratta ovviamente di un documento non confermato ufficialmente, anche perchè Paolo Savona non ha confermato la veridicità della sua firma, ma anzi si è ultimamente dimostrato più vicino all’Euro, confermando di voler negoziare e di voler ridiscutere alcuni trattati, senza però cadere nell’estremismo di voler abbandonare la moneta unica.
Vi alleghiamo le diverse fonti che citano questo “piano” segreto:
REpubblica
Democratica
Voi come la pensate a riguardo?



Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.