La casta incassa lo stipendio: 18mila euro per 11 giorni di lavoro.

Link Sponsorizzati:

casta prende 18mila euro

ROMA – Mentre gli italiani continuano a lottare quotidianamente con i problemi finanziari, con i debiti e con il proprio stipendio che al giorno d’oggi non basta per poter arrivare sino alla fine del mese ecco che i politici incassano i primi soldi di questa nuova legislatura.

Il periodo lavorativo va dal 15 marzo al 30 Aprile e, conti alla mano, i deputati sono riusciti ad agguantare ben 18.000 euro che comprendono l’ indennità pari a circa 7.500 euro più altri 11 mila euro per la diaria e il rimborso per l’esercizio di mandato, così come è previsto dal trattamento economico vigente.

Ciò che sorprende maggiormente, oltre allo stipendio altissimo, è il fatto che andando ad analizzare le effettive sedute di commissione (che non si sono tenute visto che le commissioni non sono ancora state create) il mese e mezzo di lavoro si traduce in undici sedute d’aula, cioè undici giorni lavorativi effettivi.
Il Movimento 5 Stelle ha subito precisato che restituirà buona parte del proprio guadagno e in primis Roberta Lombardi è pronta per affrontare quest’operazione: i soldi verranno riconsegnati nelle mani dello Stato anche se, attualmente, non si conosce esattamente l’importo di ciò che verrà restituito.

Un corteo di giovani si è fatto trovare fuori da Montecitorio per protestare riguardo a questo incasso e le reazioni dei deputati sono state differenti; tra tutte spunta fuori quella di Ignazio Abrignani, facente parte del Partito delle Libertà, che ha affermato: “Noi lavoriamo come gli altri italiani.. Non vedo perché dovrei restituire qualcosa. Il nostro compenso? È così da 40 anni”.



Commenti

comments

6 Responses to La casta incassa lo stipendio: 18mila euro per 11 giorni di lavoro.

  1. Alfonso ha detto:

    no comment

  2. kenneth ha detto:

    ……..in 60 anni non ho mai visto l’italia NON in crisi!!!!
    ….e sempre per colpa di questi porci!!!!!!!!!!!!

  3. Salvatore ha detto:

    si devono solo vergognare dovrebbero restituire almeno la metà di quei soldi in questo momento di crisi

  4. gregorio ha detto:

    forse non avete capito proprio niente di politica con questi stipendi loro non si pagano nemmeno le spese il loro vero bersaglio e quello di accaparrarsi qualche appalto li sono soldi milioni di euro

  5. Rosa Maria ha detto:

    Io dico solo una cosa: se non ci sono soldi per noi…non ci devono essere soldi neanche per loro!!! se i dipendenti non prendono soldi perchè le aziende chiudono o stanno in serie difficoltà, anche loro non devono prenderli se è vero che lo Stato non ha soldi!!!…motivo per cui aumentano le tasse!!.. perciò facciano pace con il cervello se chiedono più tasse perchè non ci sono soldi, vuol dire che anche loro non devono percepire un c…o come il resto dei cittadini!!! CHE TU SEI UN ONOREVOLE ME NE FREGO…perchè mi risulta che NON SEI CAPACE A RISOLLEVARE LO STATO!!!… parassita/i che non sono altro!!!

  6. Giorgia ha detto:

    Dovrebbero vergognarsi quando riscuotono lo stipendio questi ladri !!c’è gente che non può permettersi di mettere la “pentola “sul fuoco per un misero pasto per sfamare i propri figli !!Che schifo !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *