AMA Roma: arrivano 400 nuovi posti di lavoro.

Ama è l’azienda che si occupa della raccolta e del trasporto dei rifiuti nella città di Roma. E’ stata la stessa azienda a rendere nota la volontà di voler assumere nuove risorse entro la fine del prossimo anno, in seguito ad un accordo raggiunto tra la giunta comunale romana e le principali sigle sindacali in seguito a diverse riunioni.

Ama è una delle società più grandi del settore, essa fu fondata nel 2000 direttamente dal Comune di Roma e conta oggi quasi 8.000 dipendenti. L’azienda si occupa della raccolta, del trasporto, del trattamento e dello smaltimento di tutti i rifiuti solidi urbani. Per far fronte alle carenze di organico, Ama ha annunciato circa 405 assunzioni che andranno a garantire il turn over e che saranno inserite attraverso un bando di concorso.

Secondo quanto indicato da alcune fonti affidabili, le assunzioni Ama riguarderanno i seguenti profili:

Link Sponsorizzati:

  • 325 Operatori ecologici, addetti alla raccolta;
  • 40 Meccanici;
  • 20 Operatori cimiteriali;
  • 15 Operai di impianto;
  • 4 Dirigenti.

Tali risorse dovrebbero essere inserite entro un periodo massimo di sei mesi, ma per far fronte alla grave carenza di personale, Ama interverrà con delle ditte esterne garantendo un contratto ponte a tempo determinato. Non sono escluse modifiche da qui alla pubblicazione dei bandi, in quanto potrebbero verificarsi carenze ancora più gravi che richiederanno un maggior numero di risorse da assumere.

Come Candidarsi:

Tutti gli interessati a lavorare presso il Gruppo Ama per la città di Roma possono visitare il sito ufficiale presso la pagina delle carriere e selezioni del Gruppodove verranno pubblicati i bandi di concorso che dovrebbero arrivare entro i prossimi tre mesi. Non appena saremo in possesso di notizie e nuove informazioni, non esiteremo ad aggiornarvi.
Desideriamo ricordarvi che tutti gli annunci di lavoro sono rivolti ad entrambi i sessi, ai sensi delle leggi 903/77 e 125/91 (tranne ove specificato).

Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *