Arriva la tassa sull’aria condizionata: ecco la verità.

Link Sponsorizzati:

tassa condizionatori

E’giunta nella giornata di oggi una notizia che ha davvero sconvolto l’Italia e scatenato l’ira di tutti gli italiani. Stiamo parlando di una nuova tassa che dovrebbe arrivare da qui a breve sull’aria condizionata. Ebbene si, si tratterebbe di una tassa prevista da una direttiva europea sulle emissioni di anidride carbonica annunciata dalla Federconsumatori e Adusbef; tale tassa competerà un aggravio delle spese degli italiani, che ammonterebbe a circa 200 euro a famiglia.

Secondo quanto emerso, tutti i possessori di un condizionatore dovranno possedere anche un libretto di impianto ed ancora dovranno effettuare controlli ai condizionatori ogni quattro anni; nel caso in cui non ci si attenesse a queste disposizioni, il possessore del condizionatore andrebbe incontro a delle multe piuttosto salate, che variano dai 500 ai 3 mila euro.Per il rilascio del libretto e del primo bollino i condizionatori Federconsumatori e Adusbef stima una spesa che varia dai 180 ai 220 euro, importo che potrebbe arrivare anche a 300 euro qualora all’interno di un’abitazione fossero presenti più di un condizionatore. La cattiva notizia non finisce qui, perchè è prevista un’ulteriore stangata per gli italiani visto che potrebbero pagare anche per gli esercizi commerciali, ristoranti, studi di professionisti.

“Pronte, in sede europea ed anche in ambito nazionale, a mettere in campo tutti gli strumenti per la cancellazione di tale obolo“, dichiarano le due associazioni.Queste norme valgono soltanto per i condizionatori di potenza maggiore o uguale a 12kw (quindi per i grossi impianti) almeno secondo quanto diffuso da una nota del Ministero dello sviluppo economico. 



Commenti

comments

One Response to Arriva la tassa sull’aria condizionata: ecco la verità.

  1. Bruno Lessio ha detto:

    Non è vero,questa è una notizia da persone disinformate.La tassa riguarderà solo chi è in possesso di condizionatori di almeno 12 kw di potenza,perciò non riguarderà le famiglie,ma solo indutrie,centri commerciali ecc.ecc.comunque non è una cosa giusta perchè le aziende già pagano una montagna di tasse.Invece di incentivarle le stanno uccidendo,così è anche peggio perchè in questo modo colpiscono anche i lavoratori.Troppe aziende stanno chiudendo per le troppe tasse…….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.