Concorsi Scuola 2020: arrivano 50.000 nuovi posti di lavoro.

Il MIUR – Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha confermato la prossima pubblicazione di bandi di concorso per l’assunzione di nuove risorse.

assunzioni scuola

Secondo le parole del Ministro, dovrebbero essere assunti più di 50.000 insegnanti che saranno inseriti nelle scuole secondarie di primo e secondo grado, che saranno selezionati tra candidati abilitati e non abilitati, laureati e precari con almeno tre anni di esperienza maturati.

Di seguito i bandi di concorso che saranno pubblicati a breve:

  • Bando di Concorso straordinario per 24.000 insegnanti che si rivolge a docenti con almeno tre anni di esperienza maturati nella scuola statale (sostegno compreso). Lo svolgimento del concorso prevederà una prova scritta che sarà svolta su PC con quesiti a risposta multipla. Per l’abilitazione finale si dovranno possedere i 24 CFU, per questo motivo coloro che non li hanno ancora conseguiti potranno farlo con oneri a carico dello Stato.
  • Bando di Concorso ordinario per Insegnanti di secondaria che si rivolge a candidati laureati in possesso dei 24 CFU e di tutti i requisiti previsti per l’accesso all’insegnamento.
  • Bando di Concorso per DSGA che si rivolge ad Assistenti Amministrativi che hanno svolto il ruolo di DSGA – Direttore dei Servizi Generali per almeno tre anni negli ultimi otto antecedenti al bando.

Non è tutto, infatti presto arriveranno persino 11.000 nuove assunzioni tra il personale ATA (come abbiamo già ampiamente specificato in altri articoli pubblicati precedentemente).

Come Candidarsi:

L’ultimo provvedimento emesso dal MIUR ed entrato in vigore solo alcuni giorni fa introduce alcune novità interessanti: ai concorsi per posti comuni potranno accedere i laureati con in possesso i 24 CFU; ai concorsi per i posti ITP potranno accedere fino al 2025 i candidati con diploma valido, e solo dopo bisognerà possedere anche i 24 CFU; ai concorsi per i posti di sostegno solo i docenti provvisti della specializzazione sul sostegno.

Articoli che potrebbero interessarti:

Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button