Concorso Pubblico nei Beni Culturali: arrivano 1000 assunzioni a tempo indeterminato.

Il 2019 è un anno che promette bene dal punto di vista dei concorsi pubblici in quanto sono in arrivo diversi bandi dopo lo sblocco delle assunzioni per la Pubblica Amministrazione. Tra i concorsi più attesi vi è sicuramente quello per il Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

lavoro beni culturali

All’interno della Legge di Bilancio del 2019 infatti c’è un paragrafo direttamente dedicato al Ministero per i Beni e le Attività Culturali con una stima di oltre 6.000 assunzioni che saranno effettuate entro il 2021 per migliorare i servizi ed aumentare il personale che in alcune sedi è carente. Le assunzioni sono state rese necessarie anche dal pensionamento previsto per diversi dipendenti, con circa 1.000 unità perse ogni anno, che da qui al 2021, con le varie assunzioni, porteranno ad un vero e proprio cambio generazionale nel personale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Per poter procedere alle assunzioni per le varie sedi del Ministero per i Beni e le Attività Culturali saranno quindi banditi nuovi concorsi pubblici, dopo che però saranno esaurite le graduatorie attualmente ancora in vigore risultate da concorsi degli anni scorsi.
Secondo quanto stimato da alcune fonti bene informate, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali andrà alla ricerca di candidati in possesso di una laurea o di un diploma per ricoprire le varie mansioni di Assistenti e Funzionari. I vari posti dovrebbero essere suddivisi in questo modo (notizia non ancora confermata ufficialmente):

  • 500 unità di personale non dirigenziale nel 2020;
  • 250 unità di personale area III- F1 nel 2020;
  • 250 unità di personale area II- F1 nel 2020;
  • 500 unità di personale non dirigenziale nel 2021;
  • 250 unità di personale area III- F1 nel 2021;
  • 250 unità di personale area II- F1 nel 2021.

Come precisato, la precedenza per le assunzioni sarà data ai candidati presenti nelle graduatorie ancora in vigore e risultate da concorsi precedenti, ma secondo alcuni calcoli tali graduatorie non copriranno tutte le posizioni lavorative che dovranno essere assegnate quindi saranno sicuramente pubblicati nuovi bandi di concorso.
Tutti i candidati dovranno sicuramente rispettare una serie di requisiti che proviamo ad indicare in attesa dei bandi ufficiali:

  • essere maggiorenni
  • possesso della cittadinanza italiana o di un Paese dell’Unione Europea oppure di un qualsiasi Paese straniero purchè in possesso di un regolare permesso di soggiorno
  • non avere alcun impedimento ad essere assunti presso una Pubblica Amministrazione e non esserne mai stati licenziati in passato
  • avere espletato tutti gli obblighi di leva militare
  • avere l’idoneità psico fisica per la mansione da svolgere
  • non avere ricevuto alcuna condanna penale e non essere sotto processo per un delitto penale non colposo
  • possesso di un diploma di maturità o di una laurea a seconda delle posizioni lavorative per cui ci si candida

Bisognerà quindi attendere la pubblicazione dei bandi di concorso per il Ministero per i Beni e le Attività Culturali sulla Gazzetta Ufficiale e sul sito web del Ministero dove saranno indicati in maniera precisa i vari profili ricercati, tutti i requisiti per poter accedere alla selezione, le modalità di svolgimento dei concorsi, le modalità di invio delle domande di iscrizione e tutte le tempistiche e scadenze da rispettare.


Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.