Dipendente pubblico va a lavoro 117 volte in 7 anni: verrà processato.

Un dipendente della ASL Roma 5 si è recato al lavoro solamente 117 volte in ben 7 anni: ora rischia grosso.

assenteismo condannato

Oggi vogliamo portarvi a conoscenza dell’ennesimo caso di assenteismo: nel lasso di tempo che va dal 2009 al 2016, in un totale di oltre 2500 giorni, un dipendente pubblico si è recato al lavoro solo 117 volte: il suo “record” è stato nel 2009 quando si è presentato al suo posto presso la Asl Roma 5 esclusivamente per una volta a settimana.

Ora un dipendente dell’Azienda sanitaria romana è stato mandato a processo dal gip del tribunale di Tivoli. Imputati insieme a lui anche altri 4 ex colleghi facenti parte della stessa azienda sanitaria.
I cinque – tutti ex o attuali dipendenti del distretto sanitario a Nord-Est di Roma – sono accusati di diversi capi d’imputazione tra cui concorso in truffa ai danni dello Stato, aggravata dalla continuazione del reato, e abuso d’ufficio.
Questa brutta storia di assenteismo lunga 7 anni, secondo le indagini che sono state effettuate, si reggeva grazie ad un vero e proprio sistema che ha compreso anche una serie di nomine indebite. E’ stato il lavoro della Guardia di Finanza di Tivoli a far emergere le due vicende, legate tra loro, che riguardano un’azienda sanitaria.

Il recordman degli assenteisti è Andrea P., ex dipendente dell’Asl che tra il primo gennaio 2009 e il 29 febbraio 2016 – secondo gli atti della Procura – non si è presentato quasi mai sul posto di lavoro. Secondo la Guardia di Finanza, il dipendente pubblico in questione ha totalizzato la bellezza di 44 giorni di presenza nel 2009, 10 nel 2010, zero nel 2011, 16 nel 2012, 27 nel 2013otto nel 2014, undici nel 2015 e un solo giorno nel 2016. Ma c’era, sostiene la magistratura, chi lo copriva: Giancarlo M., allora direttore di Unità Servizi veterinari e ora ancora direttore dell’unità per la tutela igienico sanitaria degli alimenti, che avallava “con artifizi e raggiri” la sua “condotta fraudolenta“.

Fonte


Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.