Enel assume 1500 nuovi addetti entro il 2013.

Link Sponsorizzati:

enel

Enel S.p.A. (Ente Nazionale per l’energia Elettrica) è la più importante azienda in Italia e la seconda in Europa tra quelle fornitrici di energia elettrica agli utenti finali attraverso centrali elettriche di produzione e la rete di distribuzione.
Dispone di 73000 dipendenti circa e di un fatturato di 85 miliardi di euro (censione del 2012).

Lo scorso 9 maggio, il Gruppo Enel e i sindacati Filctem – Cgil, Flaei – Cisl, Uiltec – Uil hanno trovato un accordo di massima sull’assunzione di circa 1500 giovani, grazie al processo di pensione anticipata pensione anticipata volontaria nel 2013/2014 fino ad un massimo di 3500 dipendenti del gruppo Enel (legge 92/2012 – Riforma Fornero).

I nuovi posti di lavoro verranno affidati a giovani, di un’età compresa tra i 18 e 29 anni; In possesso di un dilploma di scuola media superiore, in ambito tecnico, perito elettrotecnico, elettronico, meccanico.
Non vi sarà un’unica sede, infatti i posti di lavoro in questione saranno distribuiti su tutto il territorio italiano.

Inoltre per ogni giovane assunto dall’azienda sarà previsto uno stage formativo presso un’importante tutor aziendale, che saprà formarlo ed inserirlo nella carriera professionale.

Nota bene: Le assunzioni Enel inizieranno tra fine 2013 (dicembre molto probabilmente) e i primi mesi del 2014. Il presente annuncio è rivolto ad entrambi i sessi, ai sensi delle leggi 903/77 e 125/91. Gli aspiranti candidati, se realmente interessati, potranno inviare il proprio curriculum vitae (in allegato la foto tessera digitale e lettera di presentazione) alla seguente pagina ufficiale.



Commenti

comments

12 Responses to Enel assume 1500 nuovi addetti entro il 2013.

  1. antonella ha detto:

    come tutti gli italiani soli eccomi antonella 35 anni separata da sola mantengo 2 figli molte amicizie tra cui molti in politica e bene si sono onesta volenterosa non scendo a compromessi con nessuno una buonissima dialettica italiana sono in cerca di un lavoro per la sopravvivenza mia e delle mie figlie mi arrangio a fare di tutto cuoca, cameriera, aiuto pasticciere , imprese pulizie, badante, ho fatto di tutto per andare avanti vorrei fare un super enalotto trovando un lavoro dignitoso che mi permette di vivere serenamente con le mie figlie distinti saluti antonella

  2. Tony ha detto:

    L’Italia è un paese con una costituzione sana e piena di principi e diritti infatti come dice la costituzione Italiana ( Art. 1 L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro ). Ora o i politici non sanno leggere o noi Italiani non sappiamo far valere i nostri diritti. Nessuno dovrebbe emigrare dalla propria terra per lavoro sopratutto chi è sposato con figli.
    Io credo che gli Italiani si dovrebbero riprendere L’Italia perche l’abbiamo costruita noi popolo italiano no i politici. una Mobilitazione civile contro lo stato e l’unico modo per metterli con le spalle al muro, bisogna bloccare tutta L’Italia non far entrare e uscire niente solo cibo e medicine, e non pagare più niente ne luce, acqua, gas e non fare scontrini non utilizzare mezzi pubblici, ecc. bisogna mettere L’Italia in ginocchio.
    Non siamo capaci a fare una guerra civile come anno fatto i nostri avi ma almeno questo lo dovremmo fare per noi e per i nostri figli che non anno futuro.

  3. perla rizzo ha detto:

    L’Italia sta andando a rovescio chi troppo ri

  4. perla rizzo ha detto:

    L’Italia sta andando a rovescio chi troppo ricco e furbo chi sta’ sempre più col culo per terra dovre-mmo ribellarci tutti stando uniti quando si tra’tta di non fare andare avanti le numerevoli ingiustizie

  5. salvo ha detto:

    si dovrebbe andare a roma a fare piazza pulita delle teste di minch…ia.i 50enni sono ormai morti e inutili

    • FRANCESCA ha detto:

      Altro che riforma elettorale …. signori politici
      (con la p minuscola ) perché non fate la riforma del lavoro…pensate a far lavorare i cittadini solo cosi potremo aggiustare l’ ITALIA. i nostri padri hanno ricostruito la nazione dopo la guerra…voi politici(con la p minuscola) la state distruggendo… i nostri figli
      cosa faranno????…..

  6. alfredo ha detto:

    Aggiornatevi: è dal 1992 che l’Enel non è più Ente Nazionale ma S.p.A.!!!

  7. Rosalba ha detto:

    Esatto Pina..noi siamo fuori età..siamo vecchi e dobbiamo morire di fame!! Che schifo!

  8. daniela ha detto:

    il mio ragazzo che non trova lavoro da più o meno.cosa deve fare

  9. daniela ha detto:

    come deve fare il mio ragazzo che da 5 anni non trova lavoro.ha 34 anni deve morire?

  10. Gianluca ha detto:

    Disoccupato dopo 22 anni di lavoro in una azienda, le mie colpe sono di avere 44 anni, 2 figli di 3 anni, un mutuo da pagare, e tanto x non farmi mancare niente, mia moglie sta combattendo da un anno contro una brutta malattia. E poi leggo che l età massima x lavorare è di 29 anni…uno schifo, ma non mi abbatto anzi combatto più forte di prima

  11. giandomenico ha detto:

    io ho 37 anni ho chiuso la mia piccola impresa di impianti elettrici ,mi sono diplomato e come ho voluto fare il passo più grande per prendere qualche appalto pubblico mi hanno schiacciato … senza parlare delle tasse che mi hanno fatto arrivare sul lastrico. chi cerca di lavorare onestamente e destinato a soccombere in questa “nazione”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *