Il Ministro Tria afferma: “Aumento Iva confermato in attesa di alternative!”.

L’aumento dell’Iva è un provvedimento che terrorizza non poco i leader del Governo del Movimento Cinque Stelle e della Lega, Luigi Di Maio e Matteo Salvini in quanto sarebbe mal accolto dal popolo e potrebbe portare qualche calo di gradimento nei sondaggi.

aumento iva

La discussione è iniziata qualche giorno fa in occasione della volontà di introdurre la Flat Tax da parte di Salvini ed il Ministro dell’Economia Giovanni Tria ha collegato la cosa all’aumento dell’Iva definendolo inevitabile se si vuol spendere del denaro pubblico. A tale ipotesi si sono subito opposti Salvini e Di Maio con uno stizzito “finchè ci siamo noi l’aumento dell’Iva non si farà, è un impegno”.

Di Maio è andato anche oltre: “il nostro obiettivo è di ridurre il carico fiscale sulle imprese e sulle famiglie, non possiamo iniziare un discorso simile con un aumento dell’Iva, abbiamo diverse soluzioni che possiamo discutere. Per l’aumento dell’Iva il Ministro Tria può rivolgersi al PD, che non ha fatto altro che alzare le tasse per i cittadini negli ultimi anni”.

Tria ha invece ribadito che qualsiasi altro provvedimento che richiede una spesa porterà all’aumento dell’Iva, la legge di Bilancio è stata già infatti molto dura per i conti dello Stato ed è praticamente impossibile andare ad investire altro denaro pubblico senza introdurre qualche tassa aggiuntiva. Tria ha però sottolineato che i provvedimenti del Governo in materia di Reddito di Cittadinanza e Quota 100 potranno portare degli ottimi sviluppi al PIL, anche se le stime attuali non sono molto positive.

“L’Italia non è più in recessione” ha detto il Ministro Tria, che poi ha aggiunto: “abbiamo previsioni molto ottimistiche, abbiamo gettato le basi per una ripresa economica che potrebbe cominciare già entro la fine dell’ultimo anno, tutti i dati relativi alla produzione sono migliorati, quindi non ci resta che attendere i risultati dei nostri provvedimenti, ma dobbiamo far attenzione a non esagerare adesso”.


Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.