La nuova truffa telefonica: se vi chiama questo numero, non rispondete!

Link Sponsorizzati:

truffa telefonica

Spesso accade che alcuni operatori telefonici possano contattarci chiedendo informazioni sulle nostre utenze e bollette, al fine di offrire presunte offerte
migliori e più convenienti, o strane restituzioni di precedenti pagamenti ritenuti troppo alti e fuori norma, ma tutto questo non è affatto vero e si tramuta spesso in una truffa che porta nuovi contratti e utenze mai richieste.

Se quindi ricevete una telefonata da un operatore che si finge, ad esempio, un operatore della compagnia elettrica e chiede informazioni su eventuali insoluti e verifiche dei vecchi pagamenti state molto attenti, perchè la trappola è nell’aria.
La persona al telefono chiede infatti la sola conferma del nome e dei dati, mentre fa partire una registrazione telefonica che può essere usata in maniera malevola come contratto. L’operatore chiede dunque il Pod, che volgarmente corrisponde ad un pin bancomat della propria bolletta ed identifica l’immobile dove viene erogata l’energia elettrica e dove è presente il contatore.

Fornendo questo dato, apparentemente innocuo, in realtà si da all’operatore la possibilità di usarlo, con i danni che possono seguire, come l’utilizzo in un nuovo contratto. Attenti quindi a non comunicarlo, come più volte ribadito dalla Polizia di Stato nella sua pagina Facebook ufficiale.
Se riceverete quindi un contatto da un operatore telefonico e riceverete la domanda “lei è il signor nome e cognome” fate attenzione e rispondete a vostra volta “chi parla?” in modo da annullare la registrazione telefonica ed impedire all’operatore di proseguire con la registrazione del nuovo contratto.



Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *