La tassa del 20% sui bonifici esteri è stata eliminata: “I soldi versati, saranno restituiti”

agenzia delle entrate guadagno lavoro posti di lavoro

In Italia la situazione è a dir poco disastrosa: la disoccupazione giovanile, e non, è alle stelle, l‘Istituto di previdenza Nazionale (INPS) è al collasso a causa di un buco di circa 15 miliardi di euro e il fisco non accenna a diminuire la pressione sulle piccole-medie imprese che sono destinate alla chiusura…

Da pochi giorni inoltre, circola online, una notizia che ha lasciato tutti i cittadini italiani basiti: il governo Letta, poco prima di cadere, avrebbe deciso di inserire una tassa, attiva dal 1 Febbraio 2014, che prevede il 20% di trattenuta automatica sui bonifici provenienti dall’estero.
Ciò ha scatenato un vero e proprio putiferio, soprattutto tra l’Unione Europea che, così come per la Web Tax, ha deciso di analizzare immediatamente la legge che ha sconvolto il nostro Paese..

Link Sponsorizzati:

La misura, attuata da Befera (direttore dell’Agenzia delle Entrate), ha allertato l’Europa che definisce “non legale” questo decreto; proprio per questo motivo, l’Agenzia delle Entrate (su richiesta del ministro dell’economia Saccomanni), ha deciso di sospendere l’attuazione della trattenuta del 20%.

Ecco le parole del ministro Saccomanni: “Gli acconti eventualmente già trattenuti da intermediari finanziari sulla base della norma in oggetto, saranno rimessi a disposizione degli interessati dagli stessi intermediari.
Contestualmente al provvedimento di sospensione degli effetti della norma, è stata predisposta, per le valutazioni del prossimo Governo – nell’ambito del disegno di legge concernente disposizioni per l’attuazione dell’accordo IGA con gli USA e per l’implementazione del Common Reporting Standard – una norma di abrogazione della ritenuta di cui sopra, ai fini di semplificazione”.

Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *