Novità bollette 2014: arrivano tagli su luce e gas con un buon risparmio annuo.

Link Sponsorizzati:

luce e gas

La situazione in Italia è alquanto disastrosa: la disoccupazione aumenta giornalmente così come il debito pubblico nazionale e persino il numero delle imprese che decidono di chiudere i battenti o di trasferire la propria sede all’estero..

Nonostante tutto ciò, pare che qualche bella notizia stia arrivando dal Consiglio dei Ministri: il capo del Governo, Matteo Renzi, parecchi giorni fa ha annunciato l’arrivo di 80 euro in più in busta paga dal mese di maggio e persino una riduzione delle bollette per famiglie e piccoli consumatori.

La conferma è arrivata direttamente dall’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico che ha confermato la presenza di tagli sulle tariffe già dal mese di aprile:  l’energia elettrica calerà dell’1,1% e il gas del 3,8%, con un taglio totale della spesa per il metano di oltre l’11% in un anno.

Dopo la piccola riduzione che era stata registrata nel 2013, il governo ha deciso di continuare ad effettuare dei tagli sulle bollette degli italiani: per la precisione, il costo dell’energia elettrica sarà di 18,975 centesimi di euro per ogni kilowattora confronto ai 19,189 centesimi di euro stabiliti nelle precedenti bollette.
A tal proposito, bisogna specificare inoltre che il costo del del metano sulle bollette del gas sarà di 83,01 centesimi di euro.

Il risparmio totale calcolato è di circa 55 euro l’anno che, grazie alle tante promozioni presenti attualmente all’interno del nostro Paese, potrebbe superare ben oltre questa cifra.



Commenti

comments

One Response to Novità bollette 2014: arrivano tagli su luce e gas con un buon risparmio annuo.

  1. ubaldo sica ha detto:

    In effetti sono stati effettuati degli sgravi di spesa per quanto riguarda i consumi dei vari servizi energetici,devo aggiungere però molto esigui, poco importanti per questi periodi difficilissimi.cominciare a calare qualcosa è già un inizio di agevolazioni; purtroppo,risolverà ben poco per l’economia delle famiglie italiane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *