“Studenti indisciplinati e maleducati? A zappare la terra nell’orto dietro la scuola!”

Link Sponsorizzati:

L’espressione “vai a zappare la terra” è spesso usata in maniera dispregiativa, soprattutto nei confronti di alcuni giovani poco disciplinati da parte di persone più anziane e con altre esperienze.

studenti a zappare la terra

Eppure sembra che un Preside di una scuola di Milano, tale Domenico Balbi, dirigente della Itsos Albe Steiner, abbia preso alla lettera questa espressione, ideando un metodo educativo che prevede l’invio di alcuni studenti a zappare la terra in seguito a comportamenti sbagliati.

Il Preside è stato chiarissimo anche con i genitori “sospensioni e multe in questo istituto scolastico vengono pagate con l’andare a zappare”. Inizialmente abbastanza scandalizzati, genitori e studenti si sono poi dovuti ricredere con il passare del tempo: con tale metodo, infatti, gli studenti indisciplinati riescono a capire bene gli errori, a comprendere la fatica del lavoro ed anche ad abbellire i dintorni della scuola, occupandosi in maniera precisa dei vari orticelli.

Alle spalle della scuola in questione, infatti, vi è un ettaro di terreno con un orto di pomodori e zucchine, ma anche diversi altri appezzamenti di terreno con fiori ed agrumi. E presto potrebbero arrivare anche le galline, e perchè no un giorno anche le api per un’apicoltura di livello.

Chissà quindi che un giorno l’idea del Preside Balbi non possa essere utilizzata anche in altre scuole, portando quindi delle idee più intelligenti per cercare di insegnare l’educazione e il senso del lavoro ai giovani, che spesso si affacciano nel mondo del lavoro senza avere alcuna idea di cosa significhi tale parola e tale responsabilità.



Commenti

comments

One Response to “Studenti indisciplinati e maleducati? A zappare la terra nell’orto dietro la scuola!”

  1. Caterina ha detto:

    Sono d’accordo con il preside, dovrebbero seguire tutti questo esempio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.