Una Panetteria Italiana offre nuovi posti di lavoro ma tutti i candidati rifiutano!!

Link Sponsorizzati:

cercasi personale panetteria milano

L’Italia sta attraversando un momento molto complicato, soprattutto dal punto di vista economico e capita persino di leggere, in un periodo con alta disoccupazione all’interno del nostro Paese, di offerte di lavoro che vengono rifiutate dai disoccupati. E’ il caso di una panetteria nota del centro di Milano che è alla ricerca di cinque risorse, ma non riesce a trovare candidati interessati; o meglio, le risorse inviano il proprio curriculum vitae ma poi non rifiutano la mansione.

Sono presenti diversi ruoli quali cassiera, barista, commessa, pasticcere e panettiere, ed i curricula arrivati sono davvero tanti, ma all’atto della conferma, tutti si tirano indietro. Un noto sito di informazione si è recato dal direttore della panetteria a chiedere spiegazioni e le risposte sono state molto sorprendenti.
“Ci serve personale da assumere a tempo pieno, con contratto regolare – spiega il titolare- ma spesso è proprio questo il problema“.
L’offerta è chiara: otto ore di lavoro al giorno e uno stipendio che, a seconda della mansione, oscilla tra 1.200 e 1.400 euro netti

Pare infatti che alcuni abbiano rifiutato per paura di perdere successivamente l’assegno di disoccupazione, mentre altri abbiano addirittura rifiutato perchè in attesa del suddetto assegno. Altre persone hanno rifiutato perchè spaventati dalla distanza del posto di lavoro, nonostante fossero a meno di dieci minuti di viaggio con il trasporto pubblico, mentre altri non avevano intenzione di soddisfare le mansioni previste dal ruolo.

Un altro candidato ha affermato di non voler ricoprire il posto di lavoro proposto, poichè troppo lontano dalla sua abitazione: “Distante circa 10 minuti”.
Ed è anche vero che nell’offerta di lavoro non ci sono delle trappole, in quanto si tratta di un impiego stabile in quanto, come confermato dal direttore della panetteria, tutte le persone assunte devono essere opportunamente formate, per cui non c’è alcun interesse a licenziare spesso.
Fonte



Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *