Arrivano i nuovi Buoni carburante da 200 euro: ecco come richiederli e ottenerli.

In seguito agli enormi aumenti dei prezzi dei carburanti è stata disposta la possibilità di erogare, da parte dei datori di lavoro, dei voucher da 200 euro per i propri dipendenti. I cosiddetti “buoni benzina” possono essere quindi pagati ai propri lavoratori, e sono totalmente esentasse e deducibili dal reddito di impresa.

bonus benzina 200 euro

Tali bonus sono stati confermati all’interno del Decreto Energia e prevedono l’erogazione di un voucher, per ogni singolo lavoratore, fino ad un massimo di 200 euro per lavoratore, da utilizzare solo ed unicamente per l’acquisto di carburante, per fronteggiare, almeno un po’, l’aumento dei prezzi dovuto alla crisi energetica scaturita dal conflitto russo – ucraino.

I bonus benzina hanno richiesto uno stanziamento da parte del Governo di 9,9 milioni di euro per il 2022, e seguirà un nuovo stanziamento anche per il 2023. Come tutti i bonus decisi dal Governo, anche i voucher per la benzina sono soggetti a delle regole: essi spettano ai lavoratori autonomi, agli enti pubblici economici ed ai soggetti che non svolgono un’attività commerciale. I bonus benzina possono essere erogati ai dipendenti, ma sono esclusi i co.co.co., gli amministratori, i tirocinanti e i lavoratori delle pubbliche amministrazioni.

I bonus benzina non possono superare il valore di 200 euro, ma per il datore di lavoro essi non sono da contare all’interno degli altri benefit, che solitamente hanno una soglia di 258,23 euro. I bonus benzina possono essere spesi all’interno delle stazioni di servizio per l’acquisto di benzina, gasolio, metano o gpl, ma anche per la ricarica di veicoli elettrici.
Per i bonus benzina è stato confermato il “principio di cassa allargato”: essi sono validi nel 2022 e nei primi 12 giorni del 2023, ma possono essere anche utilizzati nei periodi successivi.

Tali bonus sono totalmente esentasse e sono integralmente deducibili dal reddito di impresa e si possono utilizzare per finalità retributive. I bonus benzina possono essere erogati solo su base volontaria: se quindi il datore di lavoro è interessato all’erogazione, si può chiedere all’azienda se è possibile averli. Le finalità retributive sono confermate dalla Circolare 27 del 2022: ’erogazione deve avvenire nell’anno in corso e in “esecuzione dei contratti aziendali o territoriali”. La circolare stessa conferma il fatto che i buoni benzina non sono vincolati agli altri benefit, quindi non concorrono alla somma massima di euro 258,23 prevista dai benefit totali.
Per qualsiasi informazione aggiuntiva vi mettiamo a disposizione la Gazzetta Ufficiale Serie Generale 67 del 21 Marzo 2022 dove è pubblicato il Decreto Legge del 21 Marzo 2022 n.21.

Articoli che potrebbero interessarti:

Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button