Concorso Pubblico Ministero Giustizia: si assume nuovo personale in Italia.

lavoro pubblica amministrazione

Il ministero della Giustizia ha pubblicato un bando per ricercare risorse da impiegare come collaboratori presso il Provveditorato Regionale della Campania. Tale concorso è raggiungibile direttamente sul sito ufficiale del Ministero e le iscrizioni sono aperte fino al giorno 3 Novembre 2017.
Le graduatorie che risulteranno dal concorso saranno utilizzabili fino al 2021 e potranno essere consultate da tutti gli Istituti Penitenziari che fanno capo ai Distretti delle Corti d’Appello di Napoli e Salerno.

Tutti i candidati devono rispettare una serie di requisiti obbligatori:

  • età compresa tra 25 e 70 anni
  • possesso della cittadinanza italiana o di un Paese dell’Unione Europea oppure di un qualsiasi Paese straniero purchè in possesso di un regolare permesso di soggiorno
  • non avere alcun impedimento ad essere assunti presso una Pubblica Amministrazione e non esserne mai stati licenziati in passato
  • avere espletato tutti gli obblighi di leva militare
  • avere l’idoneità psico fisica per la mansione da svolgere
  • non avere ricevuto alcuna condanna penale e non essere sotto processo per un delitto penale non colposo
  • godere dei diritti civili e politici del paese di provenienza
  • non avere alcun rapporto di lavoro con il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria
  • per Psicologi: possesso di una laurea in Psicologia con iscrizione all’Albo Professionale degli Psicologi
  • per Criminologi: possesso di una laurea con specializzazione in Criminologia o Scienze Psichiatriche Forensi
  • possesso di una partita IVA

Tutti gli interessati possono inviare la domanda di iscrizione direttamente mediante raccomandata all’indirizzo Provveditorato Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria per la Campania – Napoli, via Nuova Poggiorelae n. 167 – 80143 Napoli. Per qualsiasi informazione aggiuntiva ecco il bando di concorso.
Desideriamo ricordarvi che tutti gli annunci di lavoro sono rivolti ad entrambi i sessi, ai sensi delle leggi 903/77 e 125/91 (tranne ove specificato).


Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.