Personale ATA: graduatorie 2021, concorsi pubblici e tutte le assunzioni previste.

Due concorsi per assunzione di personale ATA sono previsti per l’anno in corso. ATA è la sigla che identifica il personale amministrativo, tecnico e ausiliario all’interno degli istituti di istruzione, degli asili di infanzia e degli istituti speciali statali. In sintesi, il personale fuori dal corpo decenti delle scuole.

personale ata 2021

Sotto l’acronimo ATA rientrano diversi profili professionali tra cui assistenti all’area amministrativa e tecnica; collaboratori scolastici (quelli che una volta si definivano ‘bidelli’), infermieri, Addetti Mensa.

Partecipare al concorso dà la possibilità di entrare nelle graduatorie statali. Chi ne fa parte può essere chiamato a lavorare nelle scuole, per periodi di tempo limitato (per esempio supplenze) oppure per assunzioni; queste possono essere a tempo determinato o indeterminato. 

I bandi di concorso per personale ATA del 2021 

L’accesso alle graduatorie per personale ATA avviene partecipando a bandi di concorso per soli titoli; questo significa che non è prevista alcuna prova d’esame, ma solo la dimostrazione di possedere i requisiti (tioli appunto) richiesti.
Ogni ruolo richiedere di possedere titoli specifici, soprattutto per quanto riguarda il percorso di studi necessario per svolgere la funzione cui si ambisce. A questa regola c’è un’eccezione. Chi aspira a ricoprire un posto di Direttore dei servizi generali ed amministrativi, ricordi che il concorso DSGA che è sia per titoli sia per esami.

Nell’anno 2021 usciranno due concorsi pubblici:

  • Bando di concorso 24 mesi ATA

L’indicazione “24 mesi” sottolinea che questo concorso è riservato a chi ha maturato un totale 2 anni di servizio, anche in modo non continuativo; la finalità prima è  l’assegnamento delle supplenze. La procedura è per soli titoli e permette di accedere – o di aggiornare il proprio punteggio – alle graduatorie permanenti a livello provinciale. L’ipotesi di apertura del bando è la primavera 2021.

  • Bando di concorso terza fascia ATA

Sempre basato sui soli titoli, il concorso denominati “terza fascia” è aperto anche a quanti non hanno alcuna esperienza in questo campo. Chi partecipa quindi può inserirsi per la prima volta nelle graduatorie di durata triennale ; da questi elenchi, le scuole recuperano il personale ATA per supplenze a tempo determinato. 

Possono partecipare anche coloro che già fanno arte della graduatoria per un aggiornamento del proprio punteggio. Questa tipologia di concorso viene bandita ogni 3 anni. L’apertura di questo bando è ipotizzata nei mesi di febbraio o marzo 2021.

COSA SONO LE GRADUATORIE?

I bandi di concorso per personale ATA dunque hanno la finalità di selezionare fra i concorrenti presentatisi coloro che hanno i requisiti per inserirsi in graduatoria. Ma cosa sono le graduatorie? Sono elenchi di persone che hanno superato un dato concorso. L’ordine dell’elenco in base a criteri stabiliti a monte: per esempio per anzianità, o per chi ha più diritto, o in base al merito. 

In questo caso, i punteggi che determinano la graduatoria risultano dalla somma dei punti di ogni singolo titolo che il candidato dimostra di possedere. Chi ha più requisiti ottiene un punteggio finale più alto, e vedrà  il suo nome collocato fra i primi.  Le graduatorie possono essere aggiornate, ovvero modificate sulla base di nuovi punteggi. Per questo anche coloro che già sono in graduatoria possono ripresentare domanda per il bando di concorso per personale ATA: se hanno acquisito nuovi titoli, possono aumentare i loro punti e di conseguenza ‘scalare’ la graduatoria verso una posizione più alta.

Ovviamente, i concorrenti che si sono posizionati nella parte alta della ‘classifica’, sono quelli che saranno chiamati per primi quando le scuole avranno bisogno. Le graduatoria del personale ATA sono più di una; sono suddivise per istituto, circolo o su base provinciale.

I titoli richiesti per il bando di concorso 

I ruoli ricoperti dal personal ATA si dividono in quattro aree principali. Ogni Area raggruppa figure professionali simili. Ecco l’elenco e i titoli da presentare

  • Collaboratori scolastici

Possono lavorare presso qualsiasi scuola. E’ richiesto di possedere uno dei seguenti diplomi: triennale di istituto professionale; scuola magistrale per l’infanzia; maestro d’arte; maturità; qualifica professionale, di 3 anni, riconosciuti dalle Regioni.

Per i collaboratori scolastici addetti all’azienda Agraria invece è richiesta qualifica professionale di operatore agrituristico oppure agro industriale o ambientale

  • Assistenti amministrativi

E’ richiesto il diploma di maturità e si può lavorare in qualsiasi scuola 

  • Assistenti tecnici

E’ possibili prestare servizio nelle scuole secondario di secondo grado, ma è necessario avere un diploma di maturità legato ad alcune aree di laboratorio. Le aree vengono indicate all’interno del bando stesso. 

  • Cuochi

Necessario avere una qualifica professionale di Operatore dei servizi di ristorazione, in particolare nel  settore cucina. Il lavoro è presso convitti.

  • Infermieri

Impiegati in educandati o convitti, devono aver una laurea in Scienze Infermieristiche; diversamente, è possibile presentare un titolo che sia valido per o titoli validi per la professione di Infermiere.

  • Guardarobieri

Sempre per il lavoro in convitti ed educandati. Er presentarsi al concorso bisogna possedere una qualifica professionale di Operatore della moda.

  • Direttori servizi generali ed amministrativi

Come già detto, il concorso non richiede solo la presentazione di requisiti, ma anche prove d’esame. Coloro che vogliono partecipare devono avere una laurea in Economia e Commercio, oppure in Scienze Politiche o in Giurisprudenza. E’ possibile partecipare anche se non si è laureati se si possiede un titolo equivalente..

Coloro che passano il concorso e accedono in graduatoria possono lavorare in qualsiasi scuola.

Come presentare domanda per il concorso per personale ATA:

I dettagli per la presentazione della domanda per lo concorso per personale ATA sono indicate nei bandi che usciranno in questo 2021. C’è però una certezza fin da ora: la domanda dovrà avvenire per via telematica, utilizzando il Servizio Istanze Online del Ministero dell’ Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR).

È necessaria e soprattutto fondamentale per la buona riuscita dell’operazione, la registrazione sulla piattaforma POLIS – Presentazione On Line delle IStanze. Questa procedura è inderogabile per accedere ai servizi offerti, fra cui la presentazione delle domande ai bandi d concorso. Non è necessario attendere la data di uscita del concorso: per accelerare  tempi, è possibile registrarsi subito.

Articoli che potrebbero interessarti:

Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button