Assunzioni ANAS: arrivano 100.000 nuovi posti di lavoro nei Cantieri.

Link Sponsorizzati:

ANAS è pronta per assumere 100.000 nuove risorse nei Cantieri entro l’anno 2020: ecco come candidarsi.

anas strade

ANAS – Azienda Nazionale Autonoma delle Strade ha annunciato una campagna di selezione per assumere nuove risorse e giovani senza alcuna esperienza per dei tirocini retribuiti. La campagna di selezione avrà luogo attraverso bandi di concorso pubblici, essendo la società del Ministero dell’Economia e delle Finanze con la vigilanza del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

In particolare le assunzioni saranno inserite in un piano triennale da qui al 2020 con ben 100.000 inserimenti nei vari cantieri che saranno aperti su tutto il territorio nazionale, come confermato da diversi siti di informazione e dal quotidiano Il Messaggero.
La notizia è stata confermata anche ufficialmente dall’Amministratore Delegato di Anas, Gianni Vittorio Armani, che ha rilasciato una lunga intervista dove ha illustrato il piano di investimenti da 30 miliardi di euro nei prossimi 3 anni, che porterà quindi alle varie assunzioni, ed anche a diverse generate dall’indotto, con ottimi risvolti sull’occupazione italiana.

Posizioni Aperte:

Non sono disponibili i dettagli dei profili che saranno inseriti all’interno di Anas, ma è facile immaginare che saranno selezionati operai, addetti, profili tecnici, ingegneri ed altre figure che si possono trovare all’interno di Cantieri.

Come Candidarsi:

Tutti gli interessati a lavorare presso il Gruppo ANAS – Azienda Nazionale Autonoma delle Strade possono visitare il sito ufficiale presso la pagina delle carriere e selezioni del Gruppo dove sono elencati tutti gli annunci di lavoro e dove è possibile effettuare la propria candidatura attraverso la registrazione del proprio curriculum vitae in corrispondenza degli annunci di proprio interesse.



Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.