Concorso Pubblico: si assumono 600 Agenti per la Polizia Penitenziaria.

Link Sponsorizzati:

polizia penitenziaria nuove assunzioni

E’ in arrivo finalmente un nuovo concorso anche per la Polizia Penitenziaria: pare infatti che nelle prossime settimane potrebbero arrivare nuove assunzioni come rilevato dal Sappe (il sindacato autonomo della Polizia Penitenziaria) che ha spiegato come saranno 600 i nuovi Allievi Agenti inseriti, ma non solo, anche delle probabili novità per 800 agenti che sono stati inserite nelle graduatorie degli “idonei non vincitori”.

Il concorso per la Polizia Penitenziaria si aggiungerà quindi al concorso per la Polizia di Stato in arrivo entro pochi giorni, e porterà quindi grandi possibilità a tutti coloro che desiderano lavorare presso le Forze Armate.
Come stabilito dalla nuova legge, anche la metà dei posti messi a concorso per la Polizia Penitenziaria sarà riservato ai civili, mentre la restante metà sarà riservata ai volontari in ferma prefissata di un anno, mentre dal 2017 eventuali nuovi concorsi prevederanno l’inserimento del 75% dei civili.

Pur non essendo ancora stato pubblicato il bando, possiamo cominciare a descrivere alcuni requisiti, indicati dal Sappe:

  • età compresa tra 18 e 30 anni
  • possesso dell’idoneità psico fisica per la mansione da svolgere
  • possesso della cittadinanza italiana
  • godere dei diritti civili e politici
  • possesso della licenza media
  • non essere stati espulsi da un Corpo delle Forze Armate
  • non avere ottenuto alcuna condanna penale e non essere sotto processo per un delitto penale non colposo
  • non avere alcun impedimento ad essere assunti presso una Pubblica Amministrazione

Come anticipato, il bando doveva essere pubblicato a novembre, così da far cadere la data della prima prova a gennaio 2017. Tuttavia, la pubblicazione del bando è stata rinviata al 2017, quindi la prima prova difficilmente ci sarà prima di maggio.
Restiamo quindi in attesa di vedere il bando di concorso che si spera venga pubblicato il prima possibile.



Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *