Non ha soldi per curare il cancro: suo figlio di 6 anni raccoglie 10.000 dollari.

Link Sponsorizzati:

aiutate mio papà

Ci troviamo negli Stati Uniti d’America e più precisamente all’interno del bellissimo Stato del Texas: protagonista della vicenda è il rapporto che intercorre tra papà e figlio.
Abbiamo scritto ciò perchè, non appena Rendy Cox (padre esemplare) ha scoperto di essere stato colpito da una forma rarissima di tumore è iniziata una fantastica gara di solidarietà portata avanti dal suo amato figlio, Drew: il piccolino infatti, dopo essersi reso conto della gravità della situazione e della mancanza di soldi utili per pagare le cure, ha deciso di compiere un gesto che i suoi genitori ricorderanno per sempre.

“Lui è così importante per me, amiamo giocare insieme” ha dichiarato candidamente il bambino che ha deciso di mettere in strada un baracchino per vendere limonate al prezzo simbolico di 25 centesimi al bicchiere; sul cartellone esposto la scritta “per favore, aiutate il mio papà”.
Dopo 1 solo giorno di lavoro, Drew e il papà hanno iniziato a contare il gruzzoletto che il piccolo era riuscito a fare in poche ore: si trattava di ben 10.000 dollari.
“E’ il posto migliore di tutta la città per comprare la limonata” ha dichiarato un cliente soddisfatto della bontà del prodotto.
Il piccolo non si è detto sorpreso del suo incredibile successo: “Lo sapevo già che sarebbero venuti tutti”. 

Il piccolo imprenditore ha deciso di seguire le orme di Alex Scott, una piccola dell’età di 4 anni che viveva nel Connecticut, che cominciò con la vendita delle limonate per finanziare la ricerca medica. Nonostante Alex sia deceduta a causa del suo neuroblastoma (un tumore maligno al cervello che colpisce i bambini) all’età di 8 anni, i genitori hanno portato avanti questa fantastica iniziativa raccogliendo ben 50 milioni di dollari in tutto il mondo.



Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.