Novità INPS: ” 500 euro di reddito minimo dai 55 anni in su”.

Link Sponsorizzati:

500 euro

Tito Boeri, il Presidente dell’INPS ha reso pubblico il progetto di modifica del sistema pensionistico: la novità principale è la presenza del reddito minimo per le persone con età superiore ai 55 anni che sarà finanziato da un taglio delle pensioni d’oro e dai vitalizi.

Il piano è stato concordato insieme al Governo che ha fatto sapere che sarà attuato quanto prima per ottenere un maggiore equilibrio.
Questa novità porterebbe ad una riduzione della povertà, concedendo un mensile agli over 55 ed aiutandoli a passare dal lavoro alla pensione con più serenità e fornire loro un aiuto in caso di difficoltà economiche in famiglia.

Il reddito minimo sarà di 500 euro (400 euro per gli anni 2016 e 2017) per famiglia dove ci sia almeno un componente over 55. Nel caso ci siano più persone nel nucleo familiare, la cifra di 500 euro può essere moltiplicata per la scala Ocse, in modo che in caso di presenza di figli disoccupati questi possano ottenere i benefici della novità.

La copertura sarà garantita dalle cosiddette “pensioni d’oro”, redditi superiori ai 5000 euro lordi mensili, che contribuiranno attraverso un ricalcolo del mensile attraverso l’analisi dei contributi e l’età della decorrenza della pensione.
I pensionati che percepiscono una cifra tra i 3500 e i 5000 euro lordi mensili forniranno invece un contributo dilazionato nel tempo fino al ricalcolo finale del mensile.
Le coperture saranno garantite anche da coloro che percepiscono i vitalizi attraverso un ricalcolo che porterà i “fortunati” a ricevere una pensione secondo il classico metodo contributivo come si fa per tutti i lavoratori.



Commenti

comments

8 Responses to Novità INPS: ” 500 euro di reddito minimo dai 55 anni in su”.

  1. Molly ha detto:

    Dope 25anni di lavoro mia pensione mensile e meno di uno/a con il Trolly servizio a Eurospin €80 al di x 10 giorni. Viviamo in due con mia pensione

  2. vito ha detto:

    PER LE PERSONE CHE HANNO 50-52 NON SPETTA NIENTE!QUINDI NON ABBIAMO DIRITTO ALLA SOPRAVVIVENZA,SIAMO 6 IN FAMIGLIA 4 DISOCCUPATI UN INVALIDA ALL’80% E 2 CHE FREQUENTANO IL QUARTO ANNO SUPERIORE E UNA L’UNIVERSITA’ NON RIUSCIAMO A PAGARE L’AFFITTO.IL GOVERNO ME LO RISOLVE IL MIO PROBLEMA ENORME?

  3. giuseppe ha detto:

    io 56 anni dissoccupato da una vitao una minorenna a casa

  4. Nicola ha detto:

    ho 67 anni e percepisco l’assegno sociale,sono divorziato e abito presso una mia amica la quale è pensionata dell’IPSZ,e mi ospita in quanto non posso pagare un affitto con la pensione sociale che prendo.Tra me e questa amica ospitante,non c’è alcuna forma di convivenza ma semplicemente amicizia.In questa situazione posso richiedere il “reddito minimo dai 55 anni in su” o qualche altra forma di assistenza economica?

  5. Giuseppe ha detto:

    Non si dovrebbe più andare a votare.
    Questa è la risposta da dare.
    Io per esempio non voto più 🖕

  6. Nagy Ana ha detto:

    Ancora un po e le persone che hanno lavorato una vita pagando i contributi e le tasse per 46 anni finiscono schiacciati di persone nulla facenti, mantenuti con aiuti delle quattordicesima estiva con aiuti diversi da parte dello stato ulteriormente adesso con i 500 600 euro per ultra 52 anni. Siamo in due con 1300 euro netti in casa dopo anni di contributi. E siamo presi in giro degli. ….che hanno pochi anni lavorati e la pensione quasi uguale. Ci sono persone con le pensioni piccole e umigliati degli furbetti di sistema. Scusate ma secondo me si devono recalcolare tutte le pensioni. 46 anni di contributi non sono uguali a 15 anni.

  7. Pietro ha detto:

    Ho 61 anni è sono disoccupato da 18 mesi.
    Dopo aver preso la Naspi, il mio isee non mi permette di prendere la REI. Come faccio a vivere senza nessun reddito…

  8. Paola Forestieri ha detto:

    Sono disoccupata,ho 56 anni con nessuno reddito. Cosa debbo fare per avere questa pensione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.