Arriva la falsa circolare dell’Inps sul taglio delle pensioni: fate attenzione.

Sta girando sul web una falsa circolare dell’INPS, in formato file pdf, dove viene comunicato ai vari pensionati che il pagamento della mensilità di Aprile sarà effettuato al 50%, per poi essere recuperato nel mese di Agosto.

Tutto questo sarebbe, sempre secondo quanto descritto, a causa dell’emergenza coronavirus. Vi riportiamo di seguito il testo del messaggio che si può leggere:


Roma, 09-03-2020

Messaggio n. 1003

Oggetto: Pagamento pensioni : Nuove modalità per situazione di emergenza

Con il presente messaggio si comunica che a seguito del protrarsi dell’attuale situazione di emergenza, il pagamento delle pensioni per il mese di Aprile avverrà in forma ridotta del 50%, per poi essere recuperato integralmente nel mese di Agosto.

Il Direttore Generale Vicario

Vincenzo Cairoli

Vi possiamo confermare che si tratta di una clamorosa bufala: abbiamo infatti verificato nel sito ufficiale dell’INPS e non esiste nessun messaggio n.1003 e l’ultima circolare è la n.34 dello stesso giorno, ma non parla assolutamente di quanto descritto di sopra. Essa infatti parla di «Pensione di inabilità per soggetti affetti da malattie, di origine professionale, derivanti da esposizioni all’amianto, ai sensi dell’articolo 1, commi 250-bis e 250-ter, della legge 11 dicembre 2016, n. 232».

Un secondo controllo fatto conferma che il citato “Vincenzo Cairoli” non esiste in nessun ufficio INPS, ma anzi il Direttore Generale Vicario è attualmente una donna, la signora Gabriella Di Michele. Invitiamo quindi tutti a stare tranquilli, e soprattutto di non chiamare o ancora peggio recarsi negli uffici INPS per protestare o chiedere spiegazioni: la mensilità di Aprile sarà pagata integralmente, e tutto sarà normale.
L’emergenza Coronavirus, quindi, sembra non andare ad intaccare almeno le pensioni.

Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.