Azienda italiana cerca nuovi Addetti ma non si presenta nessuno!

Link Sponsorizzati:

Una famosa azienda italia ricerca personale, ma non si presenta nessuno: altro che crisi!

obiettivo lavoro disoccupati

In Italia, nonostante le novità riguardanti il Jobs Act di Matteo Renzi, la disoccupazione regna sovrana: nonostante questo, ci sono solide realtà che continuano a cercare personale all’interno della penisola italiana (a volte con scarsi risultati).

Un esempio è quello dell’azienda “Antonio Carraro”, situata nella zona padovana e specializzata nella produzione di trattori compatti per agricoltura specializzata: da mesi infatti, questa ditta è alla ricerca di nuovi Addetti (anche tramite agenzie interinali) che però non arrivano.
A tal proposito è persino intervenuta la responsabile delle Relazioni esterne, Liliana Carraro, che ha precisato: “Offriamo un contratto base di terzo livello che fa riferimento al contratto nazionale del settore metalmeccanico, con una retribuzione di 1.590 euro lordi mensili”.

Posizioni Aperte:

  • Ingegneri Meccanici progettisti
  • Periti meccanici Disegnatori
  • Operatori Addetti alle lavorazioni meccaniche
  • Operatori Addetti alla Carpenteria
  • Operatori Addetti al controllo qualità del prodotto
  • Periti Elettrici
  • Periti Elettromecanici

Queste sono solo alcune delle mansioni lavorative offerte dall’azienda Antonio Carraro che, da anni è presente nel mercato della costruzione dei trattori.
La responsabile, inoltre, ha affermato di essere incredula riguardo l’impossibilità (da parte delle aziende interinali) nel trovare gli Addetti richiesti.
Per potersi candidare è necessario visitare il sito Internet ufficiale e successivamente visionare la sezione “lavora con noi”; una volta effettuato ciò, basterà inviare il proprio curriculum vitae.



Commenti

comments

4 Responses to Azienda italiana cerca nuovi Addetti ma non si presenta nessuno!

  1. Pegoraro Luigi ha detto:

    In tutti modi e´una paga da poter incominciare da quel livello,poi con il tempo si cambieranno le cose. Se tutti pensano come voi che la pensate cosi non so come fate per aver un pranzo al giorno.Io sono per il lavoro,e no per poter dire no a qualsiasi lavoro.

  2. Pasquale ha detto:

    Purtroppo non è colpa dell’ Azienda in essere. Le tasse vanno pagate!considerate che un’ Azienda che investe 1590€ lordi mensili a dipendente ( col 3 livello operaio) ne spende minimo 4000€ mensili. Il discorso è ; meglio nulla? O meglio sacrificarsi all inizio e qualificarsi con volontà? Mi sa che sia meglio nulla..! Io sono operaio non imprenditore, bisogna partire da qualche parte.

    • pino ha detto:

      Prova a vivere con 1190 netti venendo dal sud con affitto e spese varie di su nel Veneto…oltre le spese di giù per uno che paga le tasse ed ha qualcosa che frutta solo allo stato…capisco fare la dieta ma qui si parla di fare la fame….lasciamo stare…

  3. duro ha detto:

    Spiegatemi come si fa a sopravvivere con 1190,00 al mese circa (1590,00 lordi) per uno che viene da fuori zona?
    Io sono il primo che parto ma la realtà è che da un contratto di 9 mesi tempo pieno esperienza personale, tra spese viaggio(800) andata e ritorno,affitto , riscaldamento, manutenzione auto ecc…sono ritornato con meno soldi di quando sono partito(divertimenti,uscite nemmeno 1 euro non potevo)..ho risparmiato su tutto,anche sui preservativi.Questa è l’Italia…mantiene persone che non hanno contribuito alla nazione e fa impoverire i suoi abitanti?
    La verità è che sotto i 1500,00 netti al mesi si è destinato a una lenta ed inesorabile sofferenza…discorso differente per chi è della zona è non ha un affitto sulle spalle forse riesce a vivere(non vivendoci lo presumo ).
    Prima di criticare fatevi le esperienze senza che mamma e papà o mariti o amanti vi mantenga e senza raccomandazioni….poi ne riparliamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *