La Banca gli nega il prestito: lui lancia una bomba molotov e distrugge la filiale.

Una notizia di cronaca arriva da Rombiolo, un paesino sito in provincia di Vibo Valentia.

molotov banca

Pare infatti che un uomo, un disoccupato di 42 anni, abbia distrutto una filiale della Banca Bper – Banca Popolare dell’Emilia Romagna in seguito alla negazione di un prestito che aveva richiesto da poco. Secondo quanto riportato da alcuni siti di informazione, infatti, l’uomo, sconvolto dalla negazione della concessione del prestito, abbia addirittura costruito una bomba molotov per poi usarla contro la filiale Bper di Via Giacomo Matteotti di Vibo Valentia.

Dalle notizie si apprende che tutta la vicenda si sia svolta di giorno e che l’uomo abbia gettato nel panico tutti i dipendenti e i clienti attualmente all’interno dell’edificio. In seguito all’incendio, ovviamente, sono intervenute le forze dell’ordine che hanno subito bloccato il centro cittadino, anche temendo un attacco terroristico come purtroppo spesso accade altrove. Grazie al pronto intervento dei Vigili del Fuoco, per fortuna, si è riusciti a spegnere l’incendio e ad evitare conseguenze gravissime.


Un impiegato della banca era rimasto intrappolato all’interno di una stanza nell’istituto di credito, ma per fortuna è stato prontamente salvato dai Vigili del Fuoco, che hanno poi assicurato l’uomo ad un ambulanza per procedere con le cure per l’intossicazione da fumo. Per fortuna non si sono registrati altri feriti o vittime, tutti gli impiegati e i clienti sono illesi, a parte il grandissimo spavento dovuto all’esplosione.

L’autore del gesto si è costituito ai Carabinieri di Rombiolo ed avrebbe spiegato il suo gesto con la disperazione: nella mattinata aveva avuto un diverbio con gli impiegati che gli avevano negato il prestito, e l’uomo, in gravi difficoltà economiche, ha deciso di agire in questo modo scellerato. Al momento le indagini sulla vicenda sono state assegnate alla Squadra mobile della Questura di Vibo Valentia, la filiale della banca è attualmente inutilizzabile ed ha riportati ingenti danni.

Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.