La Germania salva le imprese: 15.000 euro a fondo perduto e iva sul cibo al 7%.

Il periodo di grave emergenza che stiamo attraversando ha messo in luce i pro e i contro di ogni Stato presente nel mondo.

lavoro hotel e alberghi germania

Vi avevamo già accennato al fatto che la Germania avesse messo sul piatto una cifra pari a 550 miliardi di euro per far risollevare il Paese e venire in contro ai cittadini e alle imprese e ora la questione si fa ancora più “pratica e interessante”.

Dopo aver provveduto ad accreditare sui conti delle aziende e delle piccole imprese ben 15.000€ a fondo perduto, lo stato tedesco si è reso protagonista di una vicenda ancora più significativa.
Dopo aver notato la presenza di un’importante iniziativa messa in piedi da famosi ristoratori, grossisti, produttori alimentari e media gastronomici tra cui Tim Mälzer, Tim Raue, Frank Rosin, Heinz Winkler o The Duc Ngo, Frank Albers, ROLLING PIN e METRO il cancelliere tedesco si è subito attivato per cercare di salvare questo settore in grave crisi.


All’interno della petizione si leggeva: “La gastronomia è una parte estremamente importante della nostra società e cultura. Con la sua diversità, creatività, passione e qualità, arricchisce la vita quotidiana di tutti i cittadini tedeschi. Non dobbiamo mettere a repentaglio questa parte importante della nostra qualità della vita, soprattutto perché il desiderio della popolazione è in costante aumento: in numerosi sondaggi sulle cose che ci mancano di più le visite al ristorante sono in cima all’elenco”.

Proprio per questo motivo, il Governo Federale  ha confermato che l’imposta sul valore aggiunto riguardante i cibi calerà dal 19 al 7%. “Diamo una spinta notevole ai ristoranti e a tutti i locali quando riapriranno” – ha affermato Sarah Ryglewski, Segretario di Stato parlamentare per le finanze.
Inoltre si è giunti alla conclusione che le sovvenzioni per il datore di lavoro per le prestazioni lavorative di breve durata saranno prive da imposta.
Speriamo vivamente che i politici italiani prendano come esempio il comportamento dello Stato tedesco e provvedano ad emanare un decreto utile per la salvezza delle imprese italiane.

Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.