Reddito di Cittadinanza: il governo vuole toglierlo a chi ha meno di 60 anni e può lavorare.

Dopo un’intera campagna elettorale a contestare il sussidio, il Governo del centro destra, presieduto dalla Premier Giorgia Meloni, sembra pronta a mettere mano al Reddito di Cittadinanza per cercare di rimediare ulteriori risorse da mettere a disposizione per fronteggiare il caro energia.

giorgia meloni reddito di cittadinanza

In particolare sono state le parole del sottosegretario Fazzolari a far discutere: ha infatti dichiarato che verrà tolto l’assegno, anche se non da subito, a tutti coloro che hanno meno di 60 anni e sono in condizioni di lavorare.

Sembra quindi già arrivato il momento della discussione sul Reddito di Cittadinanza, che sembra essere diventato l’unico problema nel nostro paese: durante la discussione sul bilancio, infatti, il Governo sembra intenzionato a studiare alcuni tagli al sussidio per fronteggiare il caro energia.

Le parole di Fazzolari non lasciano infatti speranze: “andremo a togliere man mano il reddito di cittadinanza a tutti coloro, tra i 18 e i 59 anni, che sono in grado di lavorare. Non sarà tolto subito, in ogni caso, e sarà mantenuto per gli invalidi e tutti coloro che hanno minori a carico e non sono in grado di sostenersi. Le parole di Fazzolari, pronunciate in televisione durante la trasmissione Porta a Porta, fanno già discutere, anche perchè il “non sarà tolto subito” sembra comunque far riferimento ad un periodo di tempo inferiore ai sei mesi.

Leggermente più equilibrato invece il giudizio di Claudio Durigon, esponente della Lega, che ha precisato: “non vogliamo togliere il Reddito di Cittadinanza in maniera netta, ma vogliamo spronare tutti i percettori a trovare un lavoro per sostituire il sussidio con un altro mezzo di sostentamento. Proveremo comunque a ritoccarlo sia in termini di durata, che per quanto riguarda gli importi“.

Vedremo quindi come procederà la discussione sul Reddito di Cittadinanza, in ogni caso è facile immaginare che entro tempi brevi potrà essere ritoccato e rivisto, sicuramente al ribasso.

Articoli che potrebbero interessarti:

Commenti

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button