Poste Italiane: 1200 sportelli a rischio chiusura!

Link Sponsorizzati:

Poste Italiane è sinonimo di affidabilità, serietà e sviluppo ma ultimamente le cose non sembra stiano procedendo nel verso giusto: pare infatti che 1200 sportelli, sparsi in tutto il territorio italiano, verranno chiusi..

Gli uffici che rischiano la chiusura sono così divisi: 174 sportelli in Toscana, 134 in Emilia, 100 in Calabria, 96 in Campania. Mentre per altri 638 è previsto un “cambiamento”, dato che verranno convertiti in sportelli multi-funzione (anagrafe e altri servizi comunali).

Seppur l’amministratore delegato Massimo Sarmi abbia rassicurato tutti affermando: “Non li vogliamo chiudere. Quel report è una lista che siamo obbligati a inviare ogni anno all’autorità di riferimento, cioè all’Agcom. Però sono sportelli effettivamente sotto i parametri di economicità, quindi per non tagliarli stiamo raggiungendo accordi con gli enti locali per trasformarli in centri multiservizi”, tra i cittadini (e soprattutto tra i più anziani) regna il panico.

Ecco la Lista Completa degli Sportelli a rischio chiusura



Commenti

comments

3 Responses to Poste Italiane: 1200 sportelli a rischio chiusura!

  1. giuseppe ha detto:

    cerco lavoro

  2. MARIA CCUSIMANO ha detto:

    SALVE CERCAVO LAVORO O VISTO QUESTO ANNUNCIO E STAVO CONTANDO,SONO DIPLOMATA DA 5 ANNI E MI PIACEREBBE LòAVORARE SU QUESTO SETTORE . ASPETTO VOSTRE NOTIZIE

  3. rosy ha detto:

    salve ha più di 10 anni che invio curriculum con raccomandata e ricevuta di ritorno aggiorno sempre il mio curriculum so portare il motorino ad occhi chiusi ma mai nessun mi ha risposto per la canditature penso che anche questi concorsi si basano sulla conoscienza di persone come tantissimi altri concorsi e questo davvero mi turba tantissimo
    perche vedo portalettere che non sanno portare l motorino addirittura un volta c ‘era una che aveva chi la conduceva e tutto questo nn e giusto e se penso agli sportelli che ci sono persone che pur ricevendo uno stipendio si annoiano anche a mettere una semplica causale in un bonifico provocando disagi a chi nn se ne accorge al momento stesso io se avrei un lavoro o se avrei la possibiltà di poter entrare nelle poste ci metterei l’anima come in ogni lavoro che ho avuto anche se sono stata retribuita poco immaginiamoci con un stipendio giusto cmq la speranza e sempre l’ultima a morire percio continuerò ogni inizio dell’hanno a fare la solita raccomandata e ricevuta di ritorno alle poste di palermo e a quelle di roma sperando che qualche giorno per caso qualcuno troverà il mio curriculum e mi chiamera nell’attesa vi porgo distinti saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.